Coronavirus: intensificata azione Caritas Agrigento, 'paura non chiuda nostri cuori'

Coronavirus: intensificata azione Caritas Agrigento, 'paura non chiuda nostri cuori'

Palermo, 23 mar. (Adnkronos) – "L’emergenza legata al Coronavirus ci sta interpellando come singoli e come comunità cristiana: non permettiamo che la paura chiuda il nostro cuore. Facciamo attenzione, limitiamo al massimo i nostri spostamenti e rispettiamo le prescrizioni sanitarie, ma troviamo modi nuovi perché nessuno si senta abbandonato in questo difficile momento". Lo dice il direttore della Caritas diocesana di Agrigento, Valerio Landri, spiegando che "la rete delle relazioni è la chiave vincente: il telefono e i rapporti di vicinato suppliscono alle limitazioni legate alle prescrizioni sanitarie".

Per "supportare, incoraggiare e promuovere l’attenzione caritativa" la Caritas diocesana di Agrigento e la Fondazione Mondoaltro hanno continuato a operare attraverso il Centro di ascolto diocesano che riceve su prenotazione "le situazioni più gravi, urgenti e indifferibili"; la mensa serale della ‘Locanda di Maria’ che offre pasti da asporto; le strutture di accoglienza per persone senza dimora; il servizio di prenotazione colloqui presso la Casa circondariale di Agrigento; il Servizio di orientamento al lavoro, che offre oggi consulenze telefoniche; e il sostegno scolastico a distanza.  "Le nostre comunità – conclude il direttore della Caritas diocesana – stanno reinventando il modo per farsi prossime ai più poveri. Cautela e prossimità possono e devono camminare insieme, con una ‘fantasia della carità’ che è segno di vitalità creativa".                

La Caritas diocesana, su indicazione dell’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro, ha avviato da oggi la campagna di raccolta fondi.