Coronavirus, Iraq: sfollati ad alto rischio di contagio -3-

·1 minuto per la lettura

Roma, 21 lug. (askanews) - Nel campo di Laylan, nel governatorato di Kirkuk, MSF fornisce assistenza per malattie non trasmissibili e cure di salute mentale e riproduttiva. Oltre alle condizioni non igieniche in cui molte persone si trovano a vivere nei campi, chi presenta patologie come diabete, ipertensione e malattie cardiache e renali particolarmente vulnerabile al virus e necessita di cure continue o rischia conseguenze potenzialmente mortali. "Una delle sfide che ho vissuto in prima persona stata la limitazione di movimento all'interno del paese: per poter rispondere adeguatamente ai bisogni medici della popolazione, per il Covid-19 come per altre patologie, la logistica un elemento fondamentale. Per questo necessario che siano garantiti l'accesso e il movimento del nostro staff in tutto il paese" aggiunge Maria Sole Zattoni, responsabile risorse umane di MSF in Iraq appena rientrata da una missione di nove mesi nel paese. (Segue)