Coronavirus, isolato il ceppo italiano dai ricercatori del Sacco

coronavirus-isolato-ceppo-italiano

Nella serata del 27 febbraio è giunta la notizia che i ricercatori dell’ospedale Sacco di Milano hanno isolato con successo il ceppo italiano di coronavirus Sars Cov-2 che ha finora provocato oltre 500 contagi e 14 morti nel nostro Paese. Lo ha annunciato il direttore dell’Istituto di scienze biomediche Massimo Galli, illustrando il lavoro di ricerca coordinato dalla dottoressa Claudia Balotta.

Coronavirus, isolato ceppo italiano

Il professor Galli ha precisato che il team di ricerca è al lavoro da domenica scorsa sull’isolamento del ceppo virale italiano. Del team, oltre alla dottoressa Balotta, fanno parte anche le ricercatrici Alessia Loi, Annalisa Bergna e Arianna Gabrieli, oltre al collega polacco Maciej Tarkowski e al professor Gianguglielmo Zehender.

Lo stesso Galli ha poi aggiunto: Abbiamo isolato il virus di 4 pazienti di Codogno. […] Siamo riusciti a isolare virus autoctoni, molto simili tra loro ma con le differenze legate allo sviluppo in ogni singolo paziente”. L’isolamento del ceppo – prosegue Galli – conconsentirà ora ai ricercatori di poter” seguire le sequenze molecolare e poter tracciare il virus”, in modo da poter poi sviluppare degli anticorpi e di conseguenza dei vaccini che possano arrestare l’epidemia in corso.

Al momento sono circa 650 le persone trovate positive al coronavirus nel nostro Paese, con la Lombardia come regione più colpita, mentre il numero dei morti è salito in queste ore a 17 a seguito del decessi di tre ultraottantenni