Coronavirus, l’allarme di Aifa: “Mancano i farmaci negli ospedali”

Coronavirus, Aifa segnala: "Mancano farmaci negli ospedali"

L’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) lancia un messaggio di allarme: mancano i farmaci per colpa del Coronavirus. Negli ospedali italiani l’emergenza non riguarda solo i posti letto e i reparti di terapia intensiva strabordanti, ma anche la disponibilità di medicinali importanti.

Mancano i farmaci negli ospedali

Aifa ha assicurato di occuparsi del rifornimento contattando diverse industrie farmaceutiche, importando anche dall’estero per poter incrementare la scorta. In collaborazione con Assogenerici e Farmindustria, l’associazione sta definendo soluzioni d’emergenza per risolvere prima possibile il problema dei farmaci esauriti, coordinandosi con Regioni e Province autonome.

La priorità della consegna viene stabilita in base all’urgenza dei casi, le diverse realtà ospedaliere italiane dovranno mandare le loro segnalazioni via mail all’indirizzo di posta elettronica di Aifa. In particolare, i farmaci che si esauriscono prima sono antiretrovirali, in numero minore invece antibiotici e anestetici. Questo tipo di prodotti è infatti largamente impiegato nel trattamento del Coronavirus, ma anche nei reparti di terapia intensiva.

Coronavirus e medicinali

“Sono sempre più difficili da trovare soprattutto in Lombardia e Veneto, ma anche nel Sud Italia si segnalano grandi difficoltà di approvvigionamento”, racconta Simona Creazzola, presidente della Società Italiana Farmacia Ospedaliera.

Aifa ha inoltre dato il nullaosta per l’utilizzo di due medicinali anti malaria e farmaci per il trattamento dell’HIV, per curare i pazienti affetti da Coronavirus e facilitare gli studi clinici sull’efficacia di queste nuove terapie.