Coronavirus, l’italiano contagiato è un ricercatore emiliano di 29 anni

chi è italiano coronavirus

I test effettuati sui 56 italiani in quarantena a Cecchignola hanno dato tutti esito negativo eccetto uno: un ragazzo di 29 anni ha contratto il coronavirus. Si tratterebbe, quindi, del primo italiano contagiato dal virus cinese dopo la coppia di turisti risultata positiva ai test. Ma chi è l’italiano che ha contratto il coronavirus?

Chi è l’italiano con coronavirus

Nella serata del 6 febbraio è arrivata la conferma della positività ai test di un ragazzo di 29 anni rientrato dalla Cina: avrebbe contratto il coronavirus. Si trovava in quarantena a Cecchignola insieme agli altri 55 italiani rientrati da Wuhan lo scorso lunedì quando improvvisamente ha accusato alcuni sintomi sospetti. Mercoledì scorso, dunque, è stato ricoverato alla Spallanzani, dove è arrivata la conferma del sospetto. Il ragazzo ha 29 anni e lavorava da tempo a Wuhan, il focolaio dell’epidemia. Era originario dell’Emilia Romagna: faceva il ricercatore. A differenza del 17enne bloccato a Wuhan, però, lui non ha presentato alcun sintomo al momento dell’imbarco ed è riuscito quindi a rientrare in Italia.

Credo che il rischio di contagiare gli altri sia bassissimo“, ha rivelato il direttore del reparto Malattie Infettive dell’Istituto Superiore della Sanità. Il ricercatore, ha precisato poi, “si è infettato mentre stava in Cina”. I primi sintomi li ha accusati mercoledì scorso: dopo il pranzo, infatti, non si è presentato al ritiro del pasto nel locale comune allestito al pianterreno di Cecchignola. Ora non si escludono ulteriori controlli anche a coloro che hanno partecipato al rimpatrio degli italiani dalla Cina.