Coronavirus: la Cina sperimenterà un vaccino sui militari

La Cina ha dato l'approvazione per l'uso militare di un potenziale vaccino contro il Covid-19, che ha già effettuato test clinici, sviluppato dal gruppo CanSino Biologics in collaborazione con l'Istituto di Biotecnologia di Pechino dell'Accademia di Scienze Mediche Militari cinese.

Lo ha annunciato la stessa CanSino Biologics, precisando che l'autorizzazione è arrivata il 25 giugno scorso e che la sperimentazione durerà per un anno. Lo Ad5-nCoV è una delle otto sostanze sviluppate da aziende cinesi che hanno ricevuto l'approvazione per i test clinici sugli umani e ha ottenuto il via libera per uso militare dalla Commissione Militare Centrale, l'organo di vertice delle Forze Armate cinesi.

Il potenziale vaccino aveva ricevuto il via libera per i test clinici sugli umani il 18 marzo scorso e si è finora dimostrato sicuro.

L'uso dello Ad5-nCoV, ha precisato il gruppo di Tianjin, "è attualmente limitato al solo uso militare e non puo' essere espanso a una vaccinazione più ampia senza l'approvazione del Dipartimento di Supporto Logistico" della stessa Commissione Militare Centrale. Le fasi 1 e 2 del vaccino, riferisce la CanSino Biologics, hanno dimostrato che la sostanza ha la potenzialità di evitare le malattie causate dal coronavirus Sars-nCoV-2, ma non può essere garantito il suo successo sul piano commerciale.