Coronavirus, la città di Wenzhou si isola: chiuse tutte le strade

coronavirus wenzhou isolata

Prosegue l’incubo coronavirus: un’altra città ha deciso di chiudere tutte le strade e isolarsi. Si tratta della terza città dello Zhejiang, Wenzhou: la provincia cinese, infatti, ha registrato il maggior numero di decessi per coronavirus al di fuori dell’Hubei. Mentre arriva la conferma della prima vittima al di fuori della Cina, le misure adottate per evitare l’epidemia diventano più restrittive.

Coronavirus, Wenzhou si isola

Wenzhou, la città con il maggior numero di vittime al di fuori dell’Hubei ha adottato misure drastiche contro il coronavirus. Infatti, la provincia cinese si è isolata dalla giornata di domenica 2 febbraio. Le strade sono state chiuse, così come i 46 caselli autostradali. Le persone che vivono nella provincia sono state invitate a limitare gli spostamenti per evitare ulteriori contagi. Inoltre, soltanto una persona per famiglia sarà autorizzata a uscire ogni due giorni per l’approvvigionamento di viveri e beni di prima necessità. Una misura restrittiva mai vista prima d’ora.

Wenzhou ha anche cancellato diversi eventi pubblici e chiuso luoghi aperti al pubblico tra i quali piscine, cinema e musei. Anche la linea della metropolitana e il trasporto pubblico cittadino sono stati sospesi, così come gli autobus interprovinciali. Le scuole e le università, infine, non riprenderanno le lezioni fino a marzo. Le autorità hanno dichiarato che le imprese non dovrebbero riprendere a lavorare almeno fino al 17 febbraio. Fanno eccezione le istituzioni governative e i dipartimenti amministrativi, che riprenderanno i lavori il prossimo 9 febbraio.