Coronavirus, la Lombardia offre posti di terapia intensiva al Piemonte

coroanvirus lombardia piemonte

Con un gesto di solidarietà, la Lombardia ha offerto al Piemonte alcuni posti in terapia intensiva grazie all’ospedale della Fiera di Milano. Il governatore Alberto Cirio, però, ha voluto fare chiarezza sulla questione. “Fin dall’inizio dell’emergenza – ha detto il presidente della Regione Piemonte – il territorio piemontese ha dato il supporto e la solidarietà, necessari più che mai in un momento come questo, accogliendo nei propri ospedali pazienti che arrivano dalla Lombardia”. Per questo motivo la regione governata da Fontana ha deciso di ricambiare l’aiuto ricevuto “mettendo a disposizione del nostro territorio alcuni posti presso la nuova struttura”.

Coronavirus, Lombardia offre posti al Piemonte

Anche in Piemonte, come in Lombardia, il numero dei contagi da coronavirus è salito pesantemente nelle ultime ore. Questo ha reso necessaria la riorganizzazione degli ospedali. Inoltre, vista l’emergenza e la scarsità dei posti in terapia intensiva, la regione governata da Attilio Fontana ha messo a disposizione del Piemonte alcuni posti nel nuovo ospedale dell Fiera.

“Desidero ringraziare il presidente Fontana per questo gesto che testimonia l’amicizia fra le nostre regioni – ha detto il governatore piemontese Cirio -. E naturalmente ci auguriamo di non aver bisogno di ricorrere a questo aiuto in futuro“.

“Grazie al grande sforzo fatto dall’inizio dell’emergenza – ha proseguito Cirio -, oggi il Piemonte ha infatti raddoppiato i posti di terapia intensiva disponibili sul territorio portandoli da 287 a quasi 600 e triplicando quelli di sub intensiva da 90 a 270”.