Coronavirus, la mappa dei focolai: quanti e dove sono

Coronavirus, la mappa dei focolai: quanti e dove sono

Destano preoccupazione i focolai di coronavirus sparsi per l'Italia, da quello alla Bartolini di Bologna fino al cluster di Fiumicino che vede coinvolta anche l’ambasciata del Bangladesh.

Nel focolaio alla Bartolini di Bologna sono stati registrati 107 casi di positività al Coronavirus su 328 tamponi sottoposti: 79 sono dipendenti, 28 familiari o conoscenti. L'Ausl ha deciso di non chiudere il polo logistico scommettendo sulle misure di contenimento promosse.

GUARDA ANCHE - Quarantena come malattia, le regole

Inoltre, sempre nel capoluogo emiliano, sono stati effettuati 200 tamponi nell'hub per migranti di via Mattei, dopo l'accertamento di due casi positivi tra ospiti della struttura, magazzinieri per Bartolini

Un mini-focolaio è stato poi rilevato in una residenza per anziani del Bolognese: 7 i positivi, tutti asintomatici.

L'allarme è scattato anche a Fiumicino (Roma). Negli ultimi giorni sono stati chiusi dalla Asl due locali a causa della positività dei titolari. Già eseguiti 800 tamponi per verificare il contagio e si proseguirà con il tracciamento di tutti i contatti che hanno avuto a che fare con le strutture di ristorazione.

LEGGI ANCHE - Nuovi focolai, si apre il fronte dei casi di importazione

L'indagine epidemiologica, fa sapere l'Unità di crisi della Regione Lazio, verrà estesa anche all'Ambasciata del Bangladesh di Roma dove il 22 giugno si è recato il dipendente ora ricoverato allo Spallanzani.

Sempre a Roma, poi, si registrano “7 nuovi casi positivi tutti riferibili a un cluster familiare già noto per altri due casi che può ritenersi limitato allo stretto ambito familiare tra Anzio e Ardea". Lo ha comunicato l'Unità di Crisi Covid 19 della Regione Lazio. L'Unità di crisi regionale aggiunge che è "in corso l'indagine epidemiologica e il contact tracing".

GUARDA ANCHE - Mondragone, tornata la calma

La situazione si è calmata a Mondragone (Caserta), sede di un altro focolaio. "Nelle cinque palazzine messe in quarantena - ha spiegato il governatore campano Vincenzo De Luca - non vi è più nessun abitante positivo dopo che quelli già rilevati sono stati trasferiti in strutture sanitarie".

Gli altri focolai in Italia si trovano a Palmi, in provincia di Reggio Calabria, dove ci sono 8 positivi ed era stata dichiarata la zona rossa in tre quartieri della zona costiera; a Montecchio (Reggio Emilia), con un focolaio in due famiglie con legami parentali per un totale di 8 positivi asintomatici; a Bolzano, con un focolaio familiare di 11 positivi; a Como, con 7 positivi in una casa di accoglienza per persone bisognose; a Prato e Pistoia con 19 positivi; a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, con un focolaio nella nave dei migranti portati dalla Sea Watch per un totale di 28 positivi; ad Alessandria, in una casa di riposo con 13 positivi.