Coronavirus, la nuova ordinanza del ministro della Salute

·1 minuto per la lettura
speranza quarantena
speranza quarantena

Nella giornata di venerdì 18 giugno il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza che impone tra le altre cose l’obbligo di quarantena di cinque giorni con annesso tampone per chiunque arrivi in Italia dal Regno Unito. Una misura presa per scongiurare il diffondersi nel nostro Paese della variante Delta, che ormai costituisce il 90% dei contagi presenti nel Regno Unito. Assieme alle misure prese per chi arriva dal Regno Unito, l’ordinanza contiene anche disposizioni per chi arriva da Ue, Usa, Canada e Giappone con i requisiti del Green pass e proroga le misure di divieto d’ingresso da India, Bangladesh e Sri Lanka.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Covid, ordinanza di Speranza: quarantena di 5 giorni per chi arriva dal Regno Unito

In un post pubblicato nel pomeriggio su Facebook, il ministro ha scritto: “Ho firmato una nuova ordinanza che: 1) consente l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e da Stati Uniti, Canada e Giappone con i requisiti del Certificato Verde; 2) prolunga le misure di divieto di ingresso da India, Bangladesh e Sri Lanka; 3) introduce una quarantena di 5 giorni con obbligo di tampone per chi proviene dalla Gran Bretagna”.

Nel frattempo il sottosegretario al ministero della Salute Pierpaolo Sileri ha commentati l’ipotesi di un blocco dei voli dal Regno Unito se la variante Delta dovesse rivelarsi resistente ai vaccini: “Molto dipenderà dalla certezza o meno che la variante Delta non eluda i vaccini a nostra disposizione: questo è il nodo vero, perché se elude i nostri vaccini allora è chiaro che un blocco dei voli dalla Gran Bretagna potrebbe essere necessario”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli