Coronavirus, la rabbia dei tassisti milanesi: servono mascherine

Lme

Milano, 21 mar. (askanews) - "La categoria Taxi ha bisogno delle mascherine, così come la popolazione di Milano. Non è più possibile andare avanti in questo modo. Il Governo si svegli da questo sonno profondo e intervenga. È passato ormai un mese da quando anche in Italia abbiamo preso purtroppo coscienza del diffondersi del grave problema del coronavirus. Un mese nel quale l'attuale Governo non è riuscito nemmeno a garantire le mascherine di protezione". Lo scrive in una nota Emilio Boccalini presidente di Taxiblu, Radiotaxi di Milano.

"Una situazione paradossale - ha aggiunto Boccalini - che in uno Stato normale, si veda l'esempio della Cina, si sarebbe quantomeno potuta arginare incaricando quante più aziende possibili sul territorio nel produrre mascherine. In modo da garantirle ai lavoratori più a rischio, ma anche distribuendole alla cittadinanza. Perché è giusto continuare a dire alle persone di non uscire di casa, di non correre e di non andare tutti insieme al supermercato. Ma se le persone avessero avuto sin dagli inizi la mascherina, forse molti dei contagi che ci sono stati si sarebbero potuti evitare. Per questo siamo ancora una volta, dopo un mese, a ribadire il concetto che abbiamo bisogno delle mascherine, per tutti".