Coronavirus, la richiesta di Miozzo per il comparto scolastico

·1 minuto per la lettura
Agostino Miozzo
Agostino Miozzo

Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico scientifico, chiede che la scuola sia messa in lista per il vaccino contro il Covid-19. Il rischio di una forte terza ondata dipenderà soprattutto dalla condotta quotidiana che i cittadini avranno nelle prossime settimane. In un’intervista al “Corriere della Sera” ha parlato soprattutto del comparto scolastico e dell’esigenza di un vaccino per chi vive ogni giorno gli ambienti scolastici.

Vaccino Covid a scuola?

Il comparto scolastico dovrebbe riaprire i battenti il prossimo 7 gennaio, ma molte sono però le perplessità a riguardo. Proprio per questo, infatti, Miozzo chiede delle garanzie. “Speriamo che si apra il prima possibile – ha dichiarato – con almeno il 75% degli studenti nelle scuole superiori. Si dovrà ovviamente lavorare anche con delle adeguate soluzioni su controlli sanitari e trasporti“.

Agostino Miozzo è colui il quale ha rifiuto diverse settimane fa l’incarico di commissario alla sanità in Calabria. Il Cts intanto chiede regole ben definite e adeguate per evitare un’altra forte ondata di contagi. “Vogliamo mettere tutto in sicurezza – afferma Miozzo – altrimenti c’è il rischio di crescere una generazione di persone depresse e molto fragili. Non possiamo permetterci tutto questo, bisogna correre immediatamente ai ripari”.

Per quanto riguarda le regole da adottare, già negli scorsi giorni Miozzo si era espresso per un irrigidimento delle misure tali da contenere gli spostamenti durante le festività natalizie. Il Governo è nel frattempo al lavoro e sta definendo gli ultimi dettagli con una stretta nelle immediate vacanze natalizie per evitare un aumento esponenziale dei contagi.