Coronavirus, la Sicilia torna arancione: ecco cosa si può fare

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Palermo, 1 feb. (askanews) - La Sicilia da oggi è di nuovo in zona arancione. Sono infatti entrate in vigore a mezzanotte le nuove regole contenute nell'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, e recepita con alcuni ritocchi dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. L'Isola, che al momento registra un'incidenza di contagi del 2,1%, dopo due settimane lascia dunque il rosso insieme alla Provincia Autonoma di Bolzano, sperando di centrare tra due settimane l'obiettivo della zona gialla che comporterebbe ulteriori aperture. Un obiettivo dichiarato dal governatore siciliano Nello Musumeci che ha invitato i cittadini a mantenere alta l'attenzione e soprattutto un atteggiamento responsabile. Un appello volto a scongiurare una nuova ripresa dei contagi, ma anche e soprattutto quegli assembramenti visti nei giorni scorsi in alcune grandi città come Milano, Napoli e Roma Le novità legate alla zona arancione riguardano in particolare gli spostamenti e le scuole. In zona arancione ci si può spostare all'interno del proprio Comune, tra le 5 e le 22. Gli spostamenti verso altri Comuni sono consentiti solo per esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Sono permessi gli spostamenti tra comuni per chi vive nei centri con meno di 5mila abitanti ma entro 30 chilometri. E' vietato andare in un capoluogo di provincia. (segue)