Coronavirus: la situazione in Svizzera. 7000 contagi

vgp

Roma, 23 mar. (askanews) - Domenica a mezzogiorno - riporta Swissinfo - l'Ufficio federale della sanità pubblica registrava oltre 7'000 contagi in Svizzera, 900 in più rispetto alla vigilia. Sessanta le persone decedute. Intanto, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sta organizzando il rientro in Svizzera di circa 630 turisti elvetici bloccati in Perù e in Colombia in collaborazione con la compagnia aerea Edelweiss.

Nuovo giro di vite in Ticino per contenere l'epidemia di coronavirus. Per anziani e persone a rischio vi è un 'esplicito divieto di recarsi personalmente a effettuare acquisti'. Tutti i cantieri, salvo casi eccezionali, saranno chiusi da lunedì. Solidarietà transfrontaliera: i cantoni del Giura, di Basilea Città e di Basilea Campagna accoglieranno sei pazienti alsaziani gravemente affetti da Covid-19, sgravando così un po' gli ospedali francesi. Gli assembramenti di oltre cinque persone sono vietati; multe per i trasgressori. Stanziati in totale oltre 40 miliardi di franchi a sostegno dell'economia. I casi di coronavirus in Svizzera sono 7'014, i decessi almeno 60. La metà degli infettati ha meno di 51 anni. In Ticino cominciano a mancare posti letto. L'economia cadrà in recessione e la disoccupazione aumenterà. Treni e bus circolano secondo orari ridotti. La votazione popolare federale sulla libera circolazione del 17 maggio è rinviata. Il Consiglio federale esorta la popolazione a restare a casa, soprattutto le persone malate o che hanno più di 65 anni. La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha scritto una lettera aperta a tutta la cittadinanza

Il Consiglio federale esorta gli svizzeri in viaggio all'estero a tornare in patria. Affinché la Confederazione possa sostenere i cittadini bloccati all'estero, costoro devono registrarsi senza indugi sulla 'Travel Admin App'

In questo modo il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) potrà contattare le persone interessate. Questo appelloLink esterno non riguarda gli svizzeri con domicilio permanente all'estero.

'Dobbiamo sapere dove si trovano gli svizzeri e le svizzere per poter organizzare il rimpatrio', sottolinea Sebastian Hueber, responsabile della comunicazione del DFAE.(Segue)