Coronavirus, l'appello degli avvocati: "Non fate causa ai medici"

REUTERS/Flavio Lo Scalzo

Sono eroi che sacrificano la loro stessa vita per salvare quella dei loro pazienti. E ora rischiano di diventare i capri espiatori di questa pandemia. E' l'Ordine degli avvocati della Lombardia a mettere in luce il fenomeno: studi legali senza scrupoli approfittano della disperazione di questi giorni per intentare cause contro i medici per presunte “infezioni ospedaliere”. Già dieci le denunce per asserita malasanità arrivate alla Procura di Milano, scrive il Corriere della Sera.

Dietro la mascherina: i volti di medici e infermieri in prima linea - SFOGLIA LA GALLERY

Per questo, i vertici di categoria prendono le distanze da "condotte che, dietro l’intento filantropico, celano lo squallido tentativo di recuperare clientela e cercare visibilità, e gettano discredito sull’Avvocatura che invece esprime vicinanza ai sanitari che stanno pagando un pesante tributo in perdite umane".

Uno scudo penale per i medici

E' in esame in Senato la proposta di inserire uno scudo penale fino alla fine dello stato emergenziale per i medici. Se fosse approvato, ci sarebbe una sorta di “immunità penale”, da molti ritenuta indispensabile per lavorare, senza lo spettro di denunce e di richieste di risarcimento da parte dei pazienti o dei parenti delle vittime del COVID-19.

GUARDA ANCHE: L’omaggio all’ospedale di Verona