Coronavirus, Lazio: 17 nuovi casi, dieci di importazione

red/Mgi

Roma, 19 lug. (askanews) - "Oggi registriamo un dato di 17 casi. Di questi 10 sono casi di importazione: 6 casi sono di nazionalit del Bangladesh, un caso dall'Iraq, due dal Pakistan e uno dall'India. Rivolgo un appello all'utilizzo della mascherina o si dovr richiudere. Non possiamo tornare indietro e disperdere gli sforzi fatti fin qui. Dobbiamo usare la mascherina o rischiamo nuovi casi come in Catalogna. Nella Asl Roma 1 si registrano tre nuovi casi e di questi due sono persone di nazionalit del Bangladesh e riferite all'esito dei tamponi sulla Comunit del Bangladesh richiamati al drive-in. Un caso di una persona in fase di pre-ospedalizzazione al Policlinico Umberto I.

Nella Asl Roma 2 dei quattro nuovi casi nelle ultime 24h due sono persone di nazionalit del Bangladesh e riferite all'esito dei tamponi sulla Comunit del Bangladesh richiamati al drive-in. Un caso riguarda una persona di nazionalit Indiana gi posta in isolamento e un caso di una persona di rientro dal Pakistan ora ricoverato allo Spallanzani. Attivate le procedure del contact tracing internazionale. Nella Asl Roma 3 sono sei i nuovi casi nelle ultime 24h e di questi due sono persone di nazionalit del Bangladesh e riferite all'esito dei tamponi sulla Comunit del Bangladesh richiamati al drive-in. Un caso riguarda una donna con link familiare ad un caso di rientro dall'Iraq. Un caso riguarda una persona segnalata dal medico di medicina generale e una persona con link con un cluster familiare gi noto. Infine per quanto riguarda le province si registrano quattro nuovi casi e di questi tre nella Asl di Frosinone si tratta di un uomo in accesso al pronto soccorso di Sora, e due donne in accesso al pronto soccorso di Frosinone. Un caso nella Asl di Rieti riguarda un uomo del Pakistan in accesso al pronto soccorso. Si registra un decesso nelle ultime 24h" commenta l'Assessore alla Sanit della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

"Questa mattina ho fatto visita alla RSA pubblica di Albano e voglio ringraziare tutto il personale della ASL Roma 6 per il grande impegno e la professionalit mostrati in questo periodo di emergenza. Queste strutture dimostrano l'importanza dell'impegno pubblico nella tutela e nel sostegno, non solo sanitario, alle fasce fragili della popolazione. Ho trovato un ambiente confortevole e personale qualificato e fortemente motivato" ha proseguito D'Amato.

"Prosegue il nostro impegno nella cura dell'anziano e verso un sistema di integrazione tra i servizi sanitari e ludico ricreativi per la terza e quarta et- ha commentato il direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda - per le prossime settimane stato predisposto anche un programma di intrattenimento musicale per gli ospiti delle nostre RSA. Gli ospiti cittadini del Bangladesh hanno concluso il periodo di osservazione e domani, all'esito dell'ultimo tampone eseguito oggi, lasceranno la struttura. Li ringrazio per aver collaborato e rispettato rigorosamente tutte le misure previste. Per le RSA sono allo studio molteplici progettualit. La RSA di Albano diventer un Centro per lo studio dei disturbi dell'anziano".

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.