Coronavirus, le raccomandazioni della polizia

 

  • Morto Emiliano Perani: stroncato a 36 anni dal coronavirus
    Stile di vita
    notizie.it

    Morto Emiliano Perani: stroncato a 36 anni dal coronavirus

    Emiliano Perani, grafico 36enne residente nella provincia di Bergamo, è morto per coronavirus: era ricoverato al San Gerardo di Monza.

  • Maria De Filippi contro Linus: la replica dello speaker radiofonico
    Spettacolo
    notizie.it

    Maria De Filippi contro Linus: la replica dello speaker radiofonico

    Il botta e risposta tra Maria De Filippi e Linus continua: lo speaker radiofonico ha replicato alle parole della conduttrice.

  • Coronavirus, la fase 2 "durerà 6-8 mesi". Il piano dell'Oms
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Coronavirus, la fase 2 "durerà 6-8 mesi". Il piano dell'Oms

    Secondo gli esperti è ancora presto per pensare a un allentamento delle misure anti coronavirus in tempi rapidi e la fase 2, quando arriverà, sarà probabilmente lunga.

  • Di Maio: "Die Welt vergognoso, Berlino prenda distanze"
    Politica
    Adnkronos

    Di Maio: "Die Welt vergognoso, Berlino prenda distanze"

    Quella di Die Welt è "una affermazione vergognosa e inaccettabile" e "spero che il governo tedesco prenda le distanze". Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio replica ad un articolo del quotidiano tedesco che oggi scrive che "la mafia aspetta i soldi della Ue". Mentre l'Italia è impegnata in una trattativa a livello europeo per ottenere le risorse necessarie alla ripartenza "non voglio fare polemiche", dice Di Maio ospite di Unomattina, sottolineando però che "noi ora stiamo piangendo le vittime del coronavirus, e allo stesso tempo l'Italia ha pianto e piange le vittime della mafia". "Se c'è una trattativa in Europa in questo momento, questa trattativa è importante perché lì si sta decidendo se l'Italia possa spendere tutti i soldi che servono per aiutare giovani e meno giovani", ha aggiunto. "Noi non vogliamo che gli altri Paesi paghino i nostri debiti - ha sottolineato il titolare della Farnesina - L'Italia ha sempre pagato i propri debiti. Noi vogliamo solo creare le condizioni di mercato affinché si possano spendere tutti i soldi che servono in infrastrutture, quindi in lavoro, innovazione tecnologica".

  • Ricky Martin presenta il suo quarto figlio: le foto di Renn Martin
    Spettacolo
    notizie.it

    Ricky Martin presenta il suo quarto figlio: le foto di Renn Martin

    Ricky Martin ha deciso di presentare al mondo intero il suo quarto figlio, il piccolo Renn Martin Yousef.

  • Adriana Volpe contro Magalli: “Non mi ha fatto le condoglianze”
    Notizie
    notizie.it

    Adriana Volpe contro Magalli: “Non mi ha fatto le condoglianze”

    Magalli aveva chiesto ad Adriana Volpe di fare pace, ma non le avrebbe inviato neanche un messaggio per il suo lutto.

  • Donna trovata morta in casa a Palermo: i vicini non la vedevano da giorni
    Notizie
    notizie.it

    Donna trovata morta in casa a Palermo: i vicini non la vedevano da giorni

    I vicini non la vedevano da giorni: quando i vigili del fuoco hanno sfondato la porta hanno ritrovato la donna in casa senza vita.

  • Giuliana De Sio guarita dal Coronavirus: l’uscita dopo la quarantena
    Notizie
    notizie.it

    Giuliana De Sio guarita dal Coronavirus: l’uscita dopo la quarantena

    Giuliana De Sio è finalmente guarita dal Coronavirus: le prime uscite dell'attrice dopo la quarantena

  • Conte: "Probabile allentamento misure entro fine mese"
    Politica
    Adnkronos

    Conte: "Probabile allentamento misure entro fine mese"

    L'allentamento delle misure restrittive deve essere fatto "gradualmente", ma "probabilmente", se gli scienziati lo confermeranno, è possibile che in Italia "entro la fine di questo mese" alcune misure possano essere revocate. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in un'intervista alla Bbc.  L'emergenza coronavirus in Italia non è stata sottovalutata, ha poi sottolineato Conte aggiungendo: "Non troverete mai una mia dichiarazione che dimostri che abbiamo sottovalutato questa emergenza". L'Italia ha "sempre adottato misure efficaci e tempestive". E "tornando indietro farei lo stesso", riguardo alla tempestività o meno delle misure restrittive adottate in Italia.  "La perfezione non è di questo mondo - ha affermato il premier - e non sono così arrogante da pensare che il governo italiano sia stato perfetto". Ma, aggiunge, quello italiano è un sistema "completamente diverso" da quello cinese e se fossero state suggerite prima del tempo misure restrittive delle libertà costituzionali, "mi avrebbero probabilmente preso per pazzo". "Dobbiamo individuare settori che possano riprendere la loro attività", dice Conte, come si legge sul sito dell'emittente. "Se gli scienziati lo confermeranno, potremmo iniziare ad allentare alcune misure già entro la fine di questo mese". Il "dolore" per le ferite subite dall'Italia e dagli italiani durante l'epidemia di coronavirus è "sempre con me" ed è motivo di "profonda tristezza" per le vite perdute, ha sottolineato Conte. L'Italia, "sta soffrendo".  Quanto alla prospettiva di un fallimento del progetto europeo, davanti alle sfide poste dall'emergenza coronavirus, per Conte "il rischio c'è". "Abbiamo bisogno di una risposta economica e sociale a livello europeo", dice il premier in un'intervista alla Bbc. Servono risposte "monetarie e fiscali" adeguate per fronteggiare la "prova più grande dalla Seconda Guerra Mondiale" che l'Europa si trova davanti. In assenza di queste risposte, ci sarebbe una "grande delusione" da parte non solo degli italiani, ma di tutti gli europei. Ma, aggiunge il premier riguardo al rischio di un fallimento europeo, "non permetterò che si materializzi, voglio evitarlo".  "Solamente il sospetto" che gli aiuti forniti dalla Russia abbiano un secondo fine è "un'offesa per me e per il governo italiano", ma "anche per Vladimir Putin", sottolinea poi Conte. Da parte di Mosca, aggiunge, non c'è stata nessuna richiesta e nemmeno il pensiero di una contropartita.

  • Gori risponde a Pregliasco: “Bergamo può ripartire per prima, non per ultima”
    Notizie
    notizie.it

    Gori risponde a Pregliasco: “Bergamo può ripartire per prima, non per ultima”

    Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori risponde al virologo Fabrizio Pregliasco che aveva ipotizzato la riapertura della città per ultima.

  • Gf Vip, Paola Di Benedetto è la vincitrice della quarta edizione
    Notizie
    notizie.it

    Gf Vip, Paola Di Benedetto è la vincitrice della quarta edizione

    Paola Di Benedetto è la vincitrice della quarta edizione del Gf Vip, secondo posto per Paolo Ciavarro e terzo per Sossio Aruta.

  • Valentina Ferragni replica agli insulti per il suo fisico: le parole
    Notizie
    notizie.it

    Valentina Ferragni replica agli insulti per il suo fisico: le parole

    Valentina Ferragni è stata travolta dagli insulti ma ha deciso di replicare per le rime contro chi l'ha insultata.

  • Politica
    Askanews

    Coronavirus, M5s: voltafaccia Meloni, alleata con nemici Italia

    "Internazionale sovranista è totale bluff politico"

  • Feltri contro Conte: “Non capisce un ca*** di governo e di tutto il resto”
    Politica
    notizie.it

    Feltri contro Conte: “Non capisce un ca*** di governo e di tutto il resto”

    Vittorio Feltri perde la pazienza durante la trasmissione Fuori dal Coro a attacca il premier Conte sulla gestione dell'emergenza coronavirus.

  • A Peschiera e Segrate (Milano) distribuite mascherine "lavabili"
    Notizie
    Askanews

    A Peschiera e Segrate (Milano) distribuite mascherine "lavabili"

    "Due mascherine innovative filtranti a testa create apposta per noi"

  • Vittorio Grigolo presto papà: l’annuncio a Storie Italiane
    Notizie
    DonneMagazine

    Vittorio Grigolo presto papà: l’annuncio a Storie Italiane

    Vittorio Grigolo, tenore ed ex coach di Amici di Maria De Filippi, diventerà papà: l'annuncio.

  • GF VIP, Aristide parla di vibratori di legno: la reazione di Antonella
    Notizie
    DonneMagazine

    GF VIP, Aristide parla di vibratori di legno: la reazione di Antonella

    Ha avuto inizio un siparietto comico al Grande Fratello Vip per la confessione di Aristide Malnati su i vibratori di legno.

  • Salute
    AGI

    "Togli la mascherina o te ne vai". Le testimonianze dal Pio Albergo Trivulzio

    "Il 23 febbraio è stato il mio ultimo giorno al Pio Albergo Trivulzio. Sono stata cacciata perché mi sono rifiutata di togliere la mascherina che, secondo una dirigente, allarmava i pazienti”. Lo racconta all'AGI un'operatrice socio sanitaria della casa di cura milanese al centro di un'inchiesta giudiziaria e della polemica politica perché non avrebbe garantito al personale e agli ospiti condizioni di sicurezza e strumenti per prevenire il contagio del Covid_19. Preferisce mantenere l'anonimato "ma al momento giusto - assicura - uscirò allo scoperto e non avrò problemi a testimoniare". Quel 23 febbraio, spiega, "avevo, come da molti giorni, una forte tosse e la febbre. Al mattino, un'infermiera mi ha consigliato di indossare una mascherina, visto che da poco si era venuti a conoscenza del primo caso di coronavirus. Ho fatto come mi ha detto. Poi, ho incontrato la ragazza che fa le pulizie, anche lei aveva la tosse e lo ho suggerito di mettersi la mascherina. Lei lo ha fatto, poi, verso mezzogiorno, è venuta da me e mi ha riferito di toglierla perché era stata sgridata e minacciata di licenziamento se l'avesse tenuta".L'operatrice ha deciso però di non levarla "perché dovevo dare la frutta ai malati e avrei rischiato di contaminare il cibo coi dei colpi di tosse. Verso le 12 e 30, mentre stavo dando da mangiare ai pazienti, è arrivata una dirigente che mi ha invitato a togliere la mascherina perché stavo suscitando allarme ingiustificato negli ospiti. Ho obbiettato che mi era stato consigliato dall'infermiera, ma lei ha risposto che le altre mie colleghe non ce l'avevano. Ho fatto presente che io però avevo la tosse, loro no. Davanti a più testimoni lei mi ha detto: 'Si tolga il grembiule e se ne vada'. Allora mi sono slacciata il grembiule e l'ho invitata a uscire perché non mi andava di continuare a parlare davanti ad altre persone".Fuori, stando alla ricostruzione della donna, "la dirigente mi ha chiesto nome e cognome, aggiungendo che avrebbe avvertito il direttore generale di quanto successo. Ho risposto che poteva dirlo a chiunque, io non ho fatto male a nessuno, ho detto, anzi ho cercato di tutelare la salute dei pazienti. Poi, mi ha invitata a chiamare l'Ats e a chiedere un tampone". Da allora l'operatrice sanitaria è in malattia, anche se il tampone poi non l'è mai stato fatto. "Le mie colleghe ancora lì mi raccontano che ci sono 5 stanze di pazienti in isolamento, con la febbre, e che un medico e una caposala sono in ospedale e stanno molto male. A differenza di quello che dice la dirigenza, le mascherine sono state fornite alle mie colleghe solo a metà marzo, non prima. Come avremmo potuto proteggere i pazienti senza dispositivi? E' come se li avessimo uccisi, solo noi potevano portare il contagio da fuori”.La sua versione viene confermata da Nana, un'operatrice socio sanitaria di 45 anni, origine georgiana, che lavora nel reparto Bezzi della struttura. La donna aggiunge un retroscena. “Il 18 marzo abbiamo fatto uno sciopero improvvisato minacciando di non lavorare più se non ci avessero dato le mascherine. Al mattino ci siamo guardati in faccia - spiega - eravamo tutti distrutti e impauriti. Chi aveva timore di avere contagiato i figli, chi i genitori anziani, chi aveva la febbre e stava male. Io avevo e ho paura per mia nipote che vive con me e la mia sorellastra. Lo sciopero è durato un paio d'ore. Abbiamo servito la colazione per non danneggiare i pazienti e poi non abbiamo fatto più nulla. Poi a un certo punto abbiamo ripreso a lavorare”.Quel pomeriggio, sempre secondo il suo ricordo, è successa una cosa “grave”: “Sono venuti due operatori che hanno portato via le maschere che stavano in un armadio con la chiave, le hanno portate via dicendo che le avrebbero date a chi ne aveva davvero bisogno. Ci è stato spiegato che la regione Lombardia non prevedeva, nei nostri casi, l'obbligo di tenere le mascherine. Poi, dopo pochi giorni, ci sono state invece date”.Il 28 marzo, risulta dai bollettini interni al PAT, l'azienda comunica l'arrivo di 3mila mascherine chirurgiche e di 2mila ffP2. “Ora - prosegue Nana - tutti le abbiamo, ma molti di noi sono a casa in malattia, alcuni per paura, ma tanti coi sintomi del virus. Anche dei colleghi che lavorano hanno i sintomi, non hanno gusto e olfatto per esempio. Io ho deciso di continuare a fare il mio mestiere per dovere, anche se la mia sorellastra mi dice di smettere e non so se mi farebbe state in casa qualora dovessi ammalarmi. Non voglio lasciare soli i pazienti che stanno male, alcuni stanno per morire o stanno morendo, anche in questi giorni. Hanno i sintomi del virus ma non c'è il tampone e i medici continuano a dirci di stare tranquilli, che è tutto okay, sono solo dei casi sospetti. Finché ce la faccio, finché non mi ammalo, io starò qui con loro. Faccio turni massacranti, quasi sempre le notti, ma non mollo”. Nana dice di avere nel cuore una signora in particolare che ha sintomi che fanno pensare al virus: “Le manca la figlia, lei non parla ma io, ogni notte, le faccio delle domande e me lo fa capire”. Vuole far sapere di non avere paura di far uscire il suo nome “perché la salute è l'unica cosa che ho nella vita, non ho altro, e la voglio difendere”.

  • Borrell: "Sì agli Eurobond, Italia e Spagna rischiano di soccombere ai mercati"
    Politica
    Adnkronos

    Borrell: "Sì agli Eurobond, Italia e Spagna rischiano di soccombere ai mercati"

    “Sì agli Eurobond, Italia e Spagna rischiano di soccombere ai mercati”. Lo dice in un'intervista a Repubblica lo spagnolo Josep Borrell, alto rappresentante per la politica estera Ue. "L’attività economica in Italia e Spagna è ferma, noi dobbiamo garantire che tutti possano andare sui mercati allo stesso modo per affrontare la crisi", dice Borrell.  "Sono 10 anni, dalla crisi greca, che sostengo la necessità di introdurre una capacità fiscale europea da affiancare alla Bce - prosegue - Continuo ad avere la stessa opinione. Serve a stabilizzare le economie e affrontare situazioni di crisi, come quella attuale in Italia. È il momento di agire visto che i Paesi più colpiti dalla pandemia vanno incontro a una massiccio aumento del debito. Dobbiamo garantire che tutti possano andare sui mercati allo stesso modo per affrontare la crisi. La Bce e la Commissione hanno fatto la loro parte, ma potrebbe non bastare. Ora tocca ai governi. La proposta francese di un Fondo per la ripresa economica è una buona idea".  Borrell dice di condividere anche l’idea della presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen di lanciare un Piano Marshall europeo. "Ma noto che oggi in giro non c’è nessun signor Marshall -rileva- quindi dobbiamo essere noi europei il nostro Marshall. E il piano va lanciato subito per preservare i nostri sistemi economici e la coesione sociale. Questa crisi è simmetrica, colpisce tutti senza che ci sia stato un azzardo morale da parte di un singolo governo ma ha conseguenze asimmetriche, perché in questo momento il virus sta colpendo più Italia e Spagna dei Paesi del Nord. Le attività economiche di queste due nazioni sono ferme e dovranno aumentare drasticamente il debito. Ripeto, la Bce è scesa in campo, ma non possiamo essere sicuri che i mercati continueranno a sostenerci se la crisi si prolunga", afferma Borrell.

  • Capelli che cadono: i giusti rimedi e l’alimentazione
    Salute
    notizie.it

    Capelli che cadono: i giusti rimedi e l’alimentazione

    I capelli che cadono sono la conseguenza di abitudini sbagliate, da correggere assolutamente, per favorire la loro salute. Scopriamo come.

  • Gf Vip, Clizia Incorvaia assente alla finale: i motivi
    Notizie
    notizie.it

    Gf Vip, Clizia Incorvaia assente alla finale: i motivi

    Clizia Incorvaia sarà assente alla finale del Grande Fratello Vip? L'ex concorrente ha spiegato perché.