Coronavirus, le varianti brasiliane sono due: cresce l'allarme

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
 (Photo by Lucio Tavora/Xinhua via Getty) (Xinhua/Lucio Tavora via Getty Images)
(Photo by Lucio Tavora/Xinhua via Getty) (Xinhua/Lucio Tavora via Getty Images)

Aumenta la preoccupazione tra gli scienziati britannici e quelli di altri Paesi, per la possibile virulenza e le incognite legate a una nuova, ulteriore mutazione del coronavirus riscontrata recentemente in Brasile.

"Le varianti brasiliane" - che hanno indotto il governo di Londra a imporre la chiusura precauzionale dei confini ai viaggi da Sudamerica e Portogallo - sono in realtà "due", ha spiegato alla Bbc la professoressa Wendy Barclay, capo del G2P-UK National Virology Consortium.

VIDEO - Arcuri: "Importante approvare vaccino Astrazeneca"

"Sono emersi in effetti - ha detto la virologa britannica - due tipi diversi di varianti brasiliane del Covid, una è stata già localizzata e l'altra no". "Analizzando i database - ha aggiunto - c'è evidenza di diverse varianti in giro per il mondo, inclusa quella brasiliana che io credo sia in circolazione da qualche tempo".

Varianti la cui trasmissibilità e la cui resistenza ipotetica ai vaccini attualmente in campo sono oggetto di verifica e che - ha avvertito Barclay - occorre ora "tracciare con cura".