Coronavirus, Lega a Conte: chiudere confini e tutelare frontalieri

Rea

Roma, 16 mar. (askanews) - "Chiusura immediata delle frontiere italiane terrestri, aeree e marittime, da attuarsi anche attraverso la sospensione cautelare dell'accordo di Schengen" per "consentire esclusivamente il transito delle merci e dei nostri connazionali di rientro dall'estero, previ rigidi controlli sanitari" e chiudendo "completamente tutti i valichi terrestri minori". È quanto chiede il parlamentare della Lega Eugenio Zoffili, Presidente del Comitato parlamentare di controllo sull'attuazione dell' accordo di Schengen, di vigilanza sull'attività di Europol e di controllo e vigilanza in materia di Immigrazione, in una lettera al presidente del COnsiglio Giuseppe Conte.

"Prima di tutto, è necessario sospendere la libera circolazione delle persone tra le frontiere, istituendo controlli speculari a quelli già messi in campo da molte nazioni e garantendo il passaggio solo a merci, servizi essenziali e connazionali che rientrano in patria previo rigidi controlli sanitari", spiega Zoffili, a giudizio del quale "l'istituzione di un perimetro di sicurezza fondamentale che garantisca tutti i cittadini europei, e i nostri lavoratori frontalieri, su cui il Governo deve intervenire perchè possano stare a casa in sicurezza. Lo stesso deve valere anche sul territorio italiano, dove è sempre più urgente provvedere alla chiusura degli stabilimenti e delle attività non essenziali. In tempi eccezionali, quello che chiediamo al Governo è il coraggio di mettere in campo decisioni e risorse eccezionali".