Coronavirus, Lega: subito misure straordinarie in Lombardia

Fcz

Milano, 9 mar. (askanews) - "Occorrono misure economiche e fiscali straordinarie per la Regione più popolosa d'Italia, con i suoi 10 milioni di abitanti, per quella che produce oltre un quinto del Pil nazionale e che guida l'export: se si ferma la locomotiva d'Italia si ferma tutta l'economia nazionale". La pensa così Paolo Grimoldi, depitato della Lega e segretario della Lega Lombarda, che chiede al governo "un provvedimento immediato per la Lombardia", regione diventata "zona rossa a livello sanitario e dunque - sottolinea Grimoldi - da trattare come zona rossa a livello economico e fiscale".

In particolare, spiega Grimoldi, la Lega chiede "al presidente del Consiglio e al ministro dell'Economia di decretare il blocco immediato al pagamento delle tasse, dei cittadini e delle imprese, e di consentire uno sblocco parziale dei circa 55 miliardi di residuo fiscale che ogni anno la Lombardia regala alle casse statali. Il governo - insiste l'esponente lombardo del Carroccio - non ha preso le adeguate misure per prevenire la diffusione del virus Covid19, non faccia altrettanto ora con questo rischio di emergenza economica: servono subito misure economiche e fiscali per la Lombardia, serve il blocco delle tasse e lo sblocco di una parte del residuo fiscale. Forza, non si perda altro tempo - è il suo appello - i nostri imprenditori non possono aspettare".