Coronavirus, lettera Barachini a Rai: rigore contro fake news

Pol/Bac

Roma, 24 mar. (askanews) - "Nella giornata odierna l'Ufficio di Presidenza integrato dai rappresentanti dei Gruppi della Commissione di Vigilanza ha svolto una riunione nella modalità straordinaria ed informale della videoconferenza, nella consapevolezza che, pur in presenza della grave situazione in cui versa il Paese a causa della emergenza sanitaria in atto, sia comunque necessario che l'organo parlamentare prosegua la propria attività e torni a convocarsi nelle sedi istituzionali in tempi ragionevolmente brevi e nel rispetto delle dovute misure di sicurezza sanitaria". Lo afferma il presidente della commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini, in una lettera ai vertici del servizio pubblico.

"Le varie forze politiche rappresentate all'interno della Commissione - prosegue - hanno condiviso di sottoporre alla vostra attenzione alcune tematiche ed esigenze tenuto conto del ruolo e dei doveri cui è chiamato il Servizio pubblico in questo particolare momento di emergenza. In primo luogo, è stata evidenziata la rilevanza di una comunicazione di carattere istituzionale da parte della Rai, con specifico riferimento alle questioni di diretto interesse per la sanità pubblica, che sia contraddistinta dal massimo rigore e trasmetta a tutti i cittadini informazioni corrette ed affidabili, che in questa fase devono necessariamente essere sostenute dalle valutazioni e dalla presenza di esperti e di figure competenti, non potendo essere tollerate disinformazione o fake news".

"A tale riguardo risulta fondamentale che tale tipo di comunicazione ed informazione sia adeguatamente diffuso anche tramite la lingua dei segni. Si è altresì condivisa l'esigenza di difendere il ruolo, l'autonomia e l'autorevolezza del Servizio pubblico attraverso l'imprescindibile intermediazione e presenza dei giornalisti, evitando la trasmissione irrituale di dirette su piattaforme personali o private", sottolinea.

"Un ulteriore aspetto che si è inteso segnalare, in relazione alla prolungata chiusura delle scuole, riguarda - spiega - il rafforzamento dell'impegno da parte della Rai per un'offerta didattica e formativa che, d'intesa con il Ministero dell'istruzione, permetta l'approfondimento di argomenti utili per la preparazione degli studenti che saranno chiamati ad affrontare le prove dell'esame di maturità. Più in generale, le forze politiche hanno sottolineato l'obiettivo di un adeguamento complessivo dei palinsesti e della programmazione già in atto in modo che sia prestata la massima attenzione alle donne vittime di violenza domestica, al mondo della disabilità, dei minori e degli anziani e, nel complesso, alle fasce più deboli e disagiate della popolazione".

"Occorre inoltre che gli stessi palinsesti estivi ed autunnali diano spazio e valorizzino nuovi contenuti sociali e culturali in modo da favorire e sostenere la produzione televisiva e cinematografica italiana", conclude.