Coronavirus: l'impegno dell'Esercito Italiano per il Paese

Bet

Roma, 11 mar. (askanews) - Continua l'impegno dell'Esercito su tutto il territorio nazionale per concorrere insieme alle altre Istituzioni al contenimento e al contrasto del Covid 19. Lo sottolinea l'Esercito Italiano ricordando che la Forza Armata, sin dai primi giorni dell'emergenza Covid - 19, ha reso disponibili su tutto il territorio nazionale uomini, donne, mezzi e infrastrutture, al servizio del "Sistema Paese". "Già agli inizi di febbraio il Comando Logistico dell'Esercito attraverso una pronta ed efficace azione di coordinamento di diversi assetti, ha reso possibile il soggiorno dei nostri connazionali rientrati dalla Cina, presso le infrastrutture del Centro Sportivo Olimpico dell'Esercito, del policlinico militare del Celio adeguatamente allestite per ospitare diversi nuclei familiari" ricordano da SME.

Quanto ai numeri dell'impegno sul fronte del coronavirus a partire dal personale sanitario militare, più di 60 unità tra medici e infermieri di ogni ordine e grado, sono stati inviati negli ospedali di Lodi, Alzano Lombardo e presso il Centro Ospedaliero Militare di Milano per ridurre il carico di lavoro dei nosocomi civili della Regione Lombardia. Sono state messe a disposizione diverse infrastrutture militari in tutta la penisola, un Ospedale da Campo e 5 ambulanze che garantiscono la disponibilità di circa 3.500 posti letto pronti per essere utilizzati in caso di necessità. Sul territorio nazionale gli oltre 7.000 militari dell'Operazione Strade Sicure a disposizione delle autorità prefettizie per il controllo del territorio e il rispetto delle misure di prevenzione emanate dal Governo, proseguono il loro diuturno lavoro in stretto coordinamento con le altre Forze di Polizia. 72 Ufficiali di collegamento collaborano con 36 prefetture e un elicottero dell'Esercito è già intervenuto in concorso alla regione Piemonte, per il trasporto urgente di personale sanitario da Torino ad Alessandria, al fine di rafforzare le capacità di rianimazione e chirurgia. 60 soldati provenienti dal reggimento Genio Ferrovieri dell'Esercito sono costantemente a disposizione per garantire il traffico merci sulla rete ferroviaria.