Coronavirus, l'Italia migliora nella cartina settimanale dell'Ecdc

·2 minuto per la lettura
mappa ue covid
mappa ue covid

Come ogni settimana il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha pubblicato la mappa territoriale che evidenzia la diffusione delle zone a rischio Covid nel continente. Per quanto riguarda l’Italia ritornano finalmente le zone arancioni, cioè quelle in cui l’incidenza dei nuovi contagi è compresa tra i 25 e i 150 casi per 100mila abitanti nelle ultime due settimane. Sulle base delle ultime rilevazioni infatti, tutte le regioni del nostro Paese sono attualmente nella zona di rischio rossa. Sulle base delle ultime rilevazioni infatti, sono quattro le regioni a ritornare all’interno della fascia di rischio arancione.

Covid, la mappa Ue delle zone di rischio

Nella mappa dell’Ecdc di questa settimana tornano in zona arancione dunque la Sardegna, il Molise, l’Abruzzo e il Friuli-Venezia Giulia, mentre tutte le altre regioni d’Italia permangono nella zona rossa. Nel monitoraggio della settimana precedente invece, tutte le regioni del Paese si trovavano all’interno della zona rossa, con l’unico miglioramento rappresentato dalla Valle d’Aosta che precedentemente si trovava nella zona rosso scuro.

Si ricorda per l’appunto che sulla base della classificazione, le zone rosso scuro sono quelle con il numero maggiore di limitazioni agli spostamenti, con obbligo di tampone e con obbligo di quarantena per quei cittadini che hanno intenzione di spostarsi all’interno dell’Unione Europea.

Covid, la mappa Ue delle zone di rischio: il miglioramento dell’Italia

La condizione della penisola sulle mappe europe rispecchia il miglioramento generale riscontrato anche dal governo italiano, che nei prossimi giorni predisporra nuovi provvedimenti sulle riaperture di bar, ristoranti e attività commerciali. La prossima cabina di regia si dovrà infatti riunire il prossimo lunedì 17 maggio, con l’ipotesi di emanare la nuova ordinanza basata sugli ultimi dati del monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità per la settimana successiva.

Covid, la mappa Ue delle zone di rischio: i dati nel resto d’Europa

Osservando il resto del continente possiamo notare anche qui un generale miglioramento della curva epidemica e del relativo posizionamento delle zona di rischio, con gli unici paesi completamente in rosso scuro che attualmente risultano essere la Svezia e Cipro.

In rosso scuro troviamo anche buona parte dei Paesi Bassi, le regioni francesi del Nord-Passo-di-Calais-Piccardia, le regioni occidentali della Lituania e il nord della Croazia. La maggior parte del continente si trova invece in zona rossa, con alcune porzioni del territorio in zona gialla come il Portogallo, e ampie zone di Irlanda, Spagna e Norvegia.. Le uniche zone verdi d’Europa sono infine l’Islanda e le regioni centrosettentrionali della Norvegia e della Finlandia.