Coronavirus, Luis Sepùlveda positivo al test: contagiata anche la moglie

Coronavirus Luis Sepùlveda

Lo scrittore cileno Luis Sepùlveda è stato contagiato dal coronavirus. A riferirlo sono stati i media spagnoli secondo cui avrebbe accusato i primi sintomi della polmonite al ritorno da un viaggio in Portogallo in cui aveva preso parte ad un festival letterario.

Coronavirus: Luis Sepùlveda positivo ai test

Attualmente l’autore si trova ricoverato ad Oviedo e, stando alle analisi effettuate dal personale medico, ha contagiato anche la moglie. Quest’ultima, la poetessa Carmen Yanez, si trova in isolamento insieme ad altre persone venute a contatto con lui. Al momento non presenterebbe comunque alcun sintomo. A confermare il loro contagio le autorità sanitarie delle Asturie, che con loro registrano i primi casi dell’infezione. La Spagna in totale ne conta 79 di cui alcuni riconducibili a persone tornate dall’Italia.

I due avevano da poco fatto ritorno in Spagna, la loro terra di residenza, dopo aver partecipato al festival Correntes d’Escritas a Povoa de Varzim. Qui vi erano stati dal 18 al 23 febbraio mentre lui avrebbe iniziato ad accusare malessere il 25. Si sarebbe però rivolto ad un medico soltanto il 27. Portato in ospedale e sottoposto a tampone con esito positivo, i medici hanno optato per trasferirlo all’Hospital Universitario Central de Asturias in un reparto di malattie infettive. Per il momento non ci sono evidenze che dimostrino che il contagio sia avvenuto in Portogallo.

Sepulveda, che tra i libri più famosi conta Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, avrebbe dovuto partecipare al festival Libri Come a Roma. La sua presenza all’evento, in programma per il 12 marzo, è però al momento sospesa.