Coronavirus, Locatelli: "C'è spiraglio in situazione critica"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Lo spiraglio c'è, c'è una iniziale ma chiara riduzione della trasmissibilità, l'indice di contagiosità è sceso in maniera importante nel Paese". Lo afferma Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del Cts, ospite della trasmissione tv 'Mezz'ora in più'.

"Quando riusciremo a scendere sotto Rt pari a 1, la situazione sarà decisamente più gestibile. Ma non basta scendere sotto 1, bisogna arrivare al valore più basso possibile. Il contact tracing sarà gestibile quando arriveremo a 6-8000 contagi al giorno. Ora siamo a oltre 30.000? Ed è per questo che il contact tracing è saltato", afferma. "Se uno paragona i numeri di ieri con quelli del venerdì precedente abbiamo 2.500 contagiati di meno. Il numero dei ricoveri si è ridotto di più della metà e si è ridotto anche il numero dei ricoveri nelle terapie intensive", dice ancora. "L'età di coloro che perdono la vita è la stessa rispetto alla scorsa primavera, attorno agli 81 anni. Un concetto va rimarcato": gli anziani "vanno protetti e tutelati, è diverso rispetto a separarli" dalla società.