Coronavirus, Lombardia aumenta frequenza tamponi a sanitari

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 dic. (askanews) - La Direzione generale Welfare di Regione Lombardia è intervenuta per rafforzare la sorveglianza del personale sanitario in ambito ospedaliero e socio-sanitario, aumentando la frequenza dei test di monitoraggio per Sars-Cov-2. L'esecuzione dei test per il personale a diretto contatto con pazienti immunosoppressi o operante nei centri dialisi, si legge in una nota, passa da una frequenza di un test ogni 14 giorni a un test ogni 7 giorni. Per il personale sanitario e socio-sanitario non impiegato in contesti con la presenza di soggetti ad alto livello di immunosoppressione, la frequenza dei test viene portata da un test ogni 30 giorni ad almeno un test ogni 14 giorni.

Le nuove regole, introdotte alla luce dell'attuale evoluzione epidemiologica, valgono anche per gli operatori socio-sanitari impegnati nelle Rsa. La Direzione Generale Welfare, inoltre, ha raccomandato agli ospedali e alle strutture socio-sanitarie l'utilizzo delle mascherine FFP2 per il personale a diretto contatto con i pazienti nei reparti degenza. Si tratta, conclude la nota, di misure preventive volte a rafforzare il cordone sanitario attorno alle persone più fragili e alla protezione degli operatori sanitari sul loro luogo di lavoro, in un delicato momento di recrudescenza dei contagi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli