Coronavirus, M5s: no al Mes, assenza vincoli tutta da dimostrare

Pol/Vep

Roma, 20 mar. (askanews) - "La sfida esistenziale molto grave posta dall'emergenza Covid-19 all'Italia e all'Europa richiede una svolta senza precedenti tanto in termini di politiche sanitarie e di sicurezza quanto in termini di politica economica. Perciò siamo d'accordo con Vito Crimi quando considera inaccettabili le condizioni e restrizioni che prevede il Mes. Che poi questo strumento possa essere utilizzato veramente senza vincoli, sarebbe tutto da dimostrare. Siamo in una situazione in cui, di fatto, il vecchio mondo di Maastricht è già finito, in cui la Banca Centrale Europea ha sfoderato un'arma da 1.100 miliardi di euro da usare entro il corrente anno. Questo significa che la Repubblica italiana può finanziarsi senza problemi sui mercati per procurarsi tutta la provvista che le serve, e che buona parte dei titoli saranno quota del bilancio di Banca d'Italia, con utili che saranno incamerati dal Tesoro. Non ha senso economico e politico corrispondere infruttuosamente degli interessi per decine di anni al 'fondo senza fondo' del MES, sottoponendoci alle vecchie regole di un'austerity "alla greca", inceppando così tutti gli strumenti di politica economica previsti dalla Costituzione". Lo dichiarano in una nota i deputati del MoVimento 5 Stelle della commissione Esteri a Montecitorio.