Coronavirus, M5S R. Lazio chiede consiglio straordinario su scuola

Bet

Roma, 12 giu. (askanews) - "Subito la convocazione di un consiglio regionale straordinario sugli interventi di edilizia scolastica e le misure daadottare per l'anno scolastico 2019-2020 e garantire cos la riapertura delle scuole del Lazio in totale sicurezza a fronte dell'emergenza coronavirus edelle criticit pregresse, come quelle evidenziate nel report Censis 2018 inbase al quale il Lazio risulta essere la prima regione in Italia per scuole non conformi alla normativa con oltre il 70% degli istituti scolastici privi dei certificati di agibilit e di prevenzione incendi". Questa, in sintesi, la richiesta di una lettera al presidente del Consiglio regionale del Lazio, MarioBuschini, firmata dai consiglieri regionali M5S del Lazio insieme con gliesponenti delle altre forze politiche. "Non possiamo permetterci che i nostri figli per il prossimo anno scolastico tornino tra i banchi di scuola in condizioni ancora pi precarie di quelle prima del lockdown fronteggiando,oltre ai disagi dell'emergenza coronavirus, anche quelli strutturali legati alla sicurezza degli edifici scolastici - dichiara Roberta Lombardi, capogruppo M5S in Regione Lazio e prima firmataria delle missiva - Da mamma di due bimbi piccoli, ho vissuto direttamente fino a qualche giorno fa i disagi di varianatura legati alla didattica a distanza insieme con l'ansia del futuro perchnon si sa ancora se e in quali condizioni vedr tornare i miei figli a scuola. Di sicuro questa pandemia globale ci costringe a non poter pi girare la faccia dall'altra parte davanti a quelle difficolt preesistenti che vanno a sommarsia quelle straordinarie e del tutto inaspettate che ci hanno travolto come genitori e come cittadini nelle Istituzioni". "Mi auguro che la seduta straordinaria del Consiglio regionale sulla riapertura delle scuole sia l'occasione per far s che si arrivi preparati all'inizio del prossimo anno scolastico, con la consapevolezza delle criticit peculiari dei vari territori del Lazio", conclude Lombardi.