Coronavirus, de Magistris: niente panico, serve coesione

Aff/Psc

Napoli, 27 feb. (askanews) - "Con Macron e Conte abbiamo discusso sul fatto che questo può essere un momento in cui l'Italia unita e coesa mostri il meglio di sè". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, lo ha detto a margine del vertice intergovernativo Italia-Francia riferendosi all'emergenza coronavirus. "L'orgoglio italiano può servire per superare questo momento difficile - ha continuato il primo cittadino -Però anche iniziare una narrazione antipanico perché una cosa è la preoccupazione e un'altra cosa è il panico, rischiamo di morire più per il panico che per il coronavirus, dobbiamo quindi equilibrare un attimo la tematica. Massima vigilanza, massima collaborazione e massima attenzione da parte di tutti, però anche il fatto che questo vertice si sia tenuto oggi a Napoli dice che Napoli non molla mai anche in questi momenti".

De Magistris in conferenza stampa, questa mattina a Palazzo San Giacomo, ha spiegato che si sta facendo "la sanificazione sui mezzi Anm ma che centinaia di persone non vogliono andare a lavorare per paura" e che per questo "molte linee sono rimaste ferme".

L'ordinanza emanata dal Comune prevede, oltre alla chiusura delle scuole fino a sabato decisa ieri, anche l'obbligo per uffici pubblici e privati di avviare azioni di igienizzazione e sanificazione, l'obbligo di prevedere dispositivi e strumenti per potersi lavare le mani.