Coronavirus, Michel (Ue): "Europa presente, solida, in piedi" -2-

Sim
·1 minuto per la lettura

Roma, 23 lug. (askanews) - Un accordo nato dopo che la pandemia di coronavirus ha "scosso, lacerato" la vita democratica delle "nostre societ", perch "nessuno poteva pensare di dover limitare in modo drastico le libert fondamentali e mettere a dura prova i nostri sistemi sanitari". Per questo "sono convinto adesso che il mondo deve essere diverso dopo il Covid, deve essere pi impegnato, pi solido e pi ancorato a questa esigenza di umanit che ci unisce tutti". "Per me, l'accordo va molto oltre la propria natura finanziaria - ha concluso - l'orientamento, il senso che vogliamo imprimere al progetto europeo nei prossimi anni che all'ordine del giorno. E penso che questo un momento storico. Oggi inviamo un segnale di fiducia, di solidit agli europei. Il segnale al resto del mondo che l'Europa presente, solida, in piedi".