Coronavirus Milano, infermiera del Policlinico: “Farmaci e materassi stanno finendo”

coroanvirus policlinico milano infermiera

Anche Milano, come molte zone della Lombardia cerca di fronteggiare al meglio l’emergenza coronavirus ma gli ospedali potrebbero non riuscire a reggere l’incremento continuo dei contagi. Se a Brescia e Bergamo la situazione è critica, anche nel capoluogo meneghino la curva non tende a diminuire. Un’infermiera del Policlinico di Milano ha lanciato un allarme: a causa dell’emergenza coronavirus, mancano farmaci e materassi. La sua testimonianza è riportata in forma anonima su Fanpage.it.

Coronavirus Milano, infermiera del Policlinico

“I farmaci ed i presidi per i pazienti iniziano a non esserci. I materassi antidecubito sono esauriti e ciò significa che i pazienti iniziano a lacerare, se non macerare, la cute”. Questo è l’allarme lanciato da un’infermiera del Policlinico di Milano: l’emergenza coronavirus mette a dura prova la sanità lombarda. Oltre a ciò, scarseggiano anche i dispositivi di protezione per medici e infermieri, maggiormente esposti al rischio. I posti in terapia intensiva sono un altro punto cruciale della sanità lombarda.

Il vero problema per il Policlinico, però, restano i farmaci e i materassi. Infatti, come ha spiegato l’infermiera, “i farmaci per la sedazione sono stati scambiati con altri perché quelli addetti solo per la sedazione sono finiti”. Inoltre, anche “i materassi antidecubito”, progettati per evitare che al paziente vengano le lesioni da pressione, “sono terminati”. L’unica buona notizia, per il momento, resta quella dell’arrivo di infermieri e medici laureati e “assunti con cooperativa per la rianimazione” purtroppo “però senza esperienza”.