Coronavirus, a Milano seconda vittima nella polizia penitenziaria

Red/Gtu

Roma, 26 mar. (askanews) - Seconda vittima del coronavirus fra il personale della polizia penitenziaria. Un assistente capo è deceduto oggi all'ospedale milanese Humanitas, dove era ricoverato da alcuni giorni. Lo riferisce il ministero della Giustizia.

Originario della provincia di Foggia, lascia moglie e figli. Lavorava nella casa di reclusione di Milano Opera e il 9 marzo scorso, ai primi sintomi della malattia, era stato posto in isolamento precauzionale in caserma. Il giorno successivo l'esito positivo del tampone. Nel 2014 aveva ricevuto una medaglia di bronzo al merito di servizio.

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e tutta l'Amministrazione Penitenziaria "si uniscono al dolore dei suoi affetti più cari".