Coronavirus, ministero giustizia: presidi sanitari nelle carceri

Red/Gtu

Roma, 26 feb. (askanews) - Il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Dap, e il Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, Dgmc, hanno diramato le ultime indicazioni per prevenire la diffusione del contagio da Coronavirus. Entrambi i documenti tengono conto e integrano le disposizioni del Decreto del presidente del Consiglio dei ministri emanato ieri.

Alle prime "raccomandazioni organizzative", il Dap fa seguire ulteriori e più dettagliate disposizioni riguardanti: i presidi sanitari da attuare nell'ambito delle strutture penitenziarie; traduzioni dei detenuti per motivi di giustizia; controllo e trattamento dei "nuovi giunti". In caso di sospetto contagio vanno predisposte tutte le cautele in collaborazione con le Autorità sanitarie del territorio. Isolamento.

Anche nella nota del Dgmc si disciplinano, tra l'altro, i contatti con l'utenza e si specifica che nelle relazioni con l'esterno "dovranno essere privilegiati i sistemi di comunicazione telefonica, di videoconferenza e via e-mail", metodi comunque "sostitutivi del contatto faccia a faccia nello stesso ambiente chiuso". (Segue)