Coronavirus, Mollicone (Fdi): interventi per editoria limitati

Pol-Afe

Roma, 18 mar. (askanews) - "Gli interventi previsti nel decreto 'Cura Italia' a sostegno dell'editoria sono, ad oggi, insufficienti per affrontare la crisi dell'industria editoriale nazionale, come denunciato paradossalmente dal sottosegretario all'editoria Martella. Il settore sta affrontando una crisi senza precedenti, con un drastico calo degli investimenti pubblicitari e il blocco delle principali manifestazioni. La Federazione Concessionarie Pubblicità stima per il mercato pubblicitario una perdita per i primi 6 mesi del 2020 di circa 450 milioni di euro, pari al 15% degli investimenti complessivi. I quotidiani, le emittenti radiofoniche e le edicole rivestono un cruciale ruolo di presidio informativo per i cittadini, soprattutto a livello locale, in un contesto di difficoltà come quello che stiamo vivendo. Le richieste delle principali categorie sono state, ad oggi, parzialmente ascoltate: in particolare, apprendiamo da fonti di stampa che alcune norme, come la pubblicità degli avvisi legali, già introdotte in precedenti bozze del decreto sono state cancellate per ostruzionismo del Guardasigilli Bonafede. Presenteremo emendamenti nel passaggio parlamentare, così da migliorare l'intervento a sostegno delle imprese della filiera della stampa, limitando le perdite". Così il deputato di Fratelli d'Italia capogruppo in commissione Editoria, Federico Mollicone.