Coronavirus: Moms@Work, 5 opportunità per papà ‘in prima linea’

Coronavirus: Moms@Work, 5 opportunità per papà ‘in prima linea’

Roma, 18 mar. (Labitalia) – Sono cinque le opportunità formulate da Moms@Work di Intoo (Gi Group) per papà in prima linea verso i figli e le compagne dopo la maternità. Per Moms@Work di Intoo è importante far tesoro di un nuovo mindset e di nuove modalità di lavoro sperimentati in queste settimane a vantaggio di entrambi i genitori per il momento del ritorno alla normalità.

“In Italia – afferma Alessandra Giordano, direttore Delivery di Intoo – le donne che rientrano al lavoro dopo la maternità cercano spesso rifugio nel part time o si accontentano magari di un ruolo minore perché così si sentono più tranquille rispetto alla complessità che si trovano a gestire, ma così facendo perdono terreno, fiducia e anche speranza di poter accudire in futuro altri figli. Per l’evoluzione culturale sono fondamentali tutte le iniziative di legge a favore della rivisitazione ed estensione dei congedi a entrambi i genitori, ma per una vera e concreta adozione è fondamentale la sperimentazione che ciascuno sta compiendo in questo momento eccezionale”.

“Occorre davvero cogliere – suggerisce – questa occasione di maggior tempo in famiglia come se fosse un laboratorio per provare su di sé nuove soluzioni, comprenderne a fondo il significato e il valore, farle proprie in una modalità condivisa con la propria compagna per trovare insieme un vero e nuovo work-family balance e metterlo in pratica alla ripresa. Questa è la corresponsabilità necessaria nella gestione dei figli che aiuta a contrastare prima di tutto il fenomeno dell’abbandono del lavoro da parte delle mamme nel corso del primo anno di vita del bambino e poi a rendere le donne più confidenti anche sulla possibilità di mantenere e sviluppare la propria professionalità”.

Intoo, la società di Gi Group leader nei processi di sviluppo e transizione di carriera che con il servizio Moms@Work aiuta le imprese nella gestione integrata della maternità delle dipendenti, da alcuni anni si occupa anche dei lavoratori papà con workshop, corsi e servizi di coaching sulla genitorialità e sulla base di questa esperienza segnala, pertanto, le opportunità di cui far tesoro oggi per cambiare approccio e vivere una genitorialità davvero condivisa alla piena ripresa lavorativa.

1) Smart working: presenza in ufficio non vuol dire efficienza. In questo periodo molti hanno verificato in prima persona i limiti del presenzialismo e la necessità, invece, di un mindset più aperto perché non si lavora in maniera efficace solo se si è “presenti” dalle 9 alle 18. Anche un uomo si sentirà, pertanto, più confidente nel richiedere alla propria azienda una maggiore flessibilità nei luoghi e negli orari di lavoro, laddove non venisse poi prevista più regolarmente.

2) Delegare: più tempo per i figli e risorse più responsabili. Costretti a delegare? Può essere accaduto per via delle distanze da gestire e da rispettare, tuttavia il mantenimento dell’operatività avrà permesso di comprendere che il controllo non coincide con la presenza e la delega, responsabilizzando, è un’occasione di crescita per i membri del team. Specialmente per gli uomini questo è un tema molto forte, ma cruciale se si ha un ruolo di responsabilità ed è uno strumento molto utile quando arriva un figlio o si partecipa alla co-gestione dei figli.

3) Rispettare le vere priorità: non tutto è urgente, in cima alla to do list sono comparse anche necessità non lavorative; stabilirle e rispettarne un grado di importanza aiuta noi e chi collabora con noi a lavorare meglio. L’arrivo di un figlio cambia inevitabilmente le priorità, anche dei papà: imparare a stilare una lista di attività con vera precedenza aiuta a trovare un migliore equilibrio tra vita lavorativa e vita privata.

4) L’unione fa la forza: più collaborazione con i colleghi. Le relazioni a distanza, inizialmente magari più difficoltose, nel tempo potrebbero essersi rafforzate. Condividere e proiettare il ruolo di genitori oltre a quello di lavoratori, permette di confrontarsi con altre persone che stanno affrontando lo stesso cambiamento e le stesse difficoltà, rendendo più solidi i legami, creando nuove alleanze grazie a soft skill come l’empatia e l’intelligenza emotiva, a vantaggio di un miglior clima lavorativo in generale. Non sarà più un tabù anche da parte di un uomo richiedere un po’ di collaborazione ai colleghi: come, ad esempio, non fissare riunioni prima di un certo orario al mattino. Questo può aiutare i neopapà a sentirsi più compresi.

5) Last but not least: non farsi spaventare, ma diventare parte attiva. Le donne devono essere le prime a non rinunciare al proprio lavoro ed emotivamente neanche alla possibilità di fare carriera, chiedendo, pertanto, ai propri compagni di collaborare fattivamente nella cogestione dei figli. Saperli dalla loro parte con convinzione e sulla base di azioni/attività sperimentate concretamente insieme, non può che fare la differenza nella vita famigliare e a tendere anche nell’impresa in cui i compagni lavorano, a vantaggio di altri colleghi e, soprattutto, di altre colleghe di cui dovessero essere responsabili.