Coronavirus, Morra: applicare smart-working nei call center

Pol-Afe

Roma, 14 mar. (askanews) - "Ritengo irresponsabile ed imprudente, in un momento così delicato, costringere centinaia di lavoratori a recarsi in strutture inadeguate ad affrontare l'emergenza coronavirus, come pare stia accadendo da Abramo c/c di Montalto Uffugo e Covisian di Rende che così facendo rischiano di favorire il diffondersi del contagio; scriverò immediatamente al Prefetto di Cosenza". Lo afferma in una nota il presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra.

"Quanto accaduto pochi giorni fa in Corea del Sud - aggiunge - dovrebbe servirci d'insegnamento, dagli organi di stampa abbiamo appreso che proprio un call center di Seul, infatti, è risultato essere responsabile di un nuovo focolaio che ha portato a ben 93 nuovi contagi. Pertanto, chiedo il rispetto del decreto del Presidente Conte usando tutte le precauzioni del caso. Sembra incredibile che aziende tecnologicamente all'avanguardia non abbiano previsto e predisposto il necessario per far lavorare tutti i loro dipendenti da casa adoperando il cosiddetto 'smart-working' ove possibile, preservando, quindi, ferie e permessi".

"Altrimenti, i dipendenti di tali aziende - spiega Morra - rischiano concretamente di contrarre la malattia con conseguenti ed immediate assenze dal posto di lavoro a lungo termine. Per cui, anche da un punto di vista strettamente economico, tutta questa negligenza sembra essere anche controproducente per tali strutture che si potrebbero trovare sprovviste di personale per lunghi periodi; sarebbe sufficiente agire tempestivamente e con senso di responsabilità attuando le dovute misure di sicurezza e prevenzione".

"Credo - conclude Morra - sia indispensabile che le aziende attivino al più presto lo smart-working e sospendano immediatamente tutte le attività in cui siano previsti i consueti assembramenti di persone, altrimenti tanto vale riaprire teatri e tutte le altre attività attualmente bloccate".