Coronavirus, morto a Lodi un farmacista 69enne

Red/Sav

Roma, 23 mar. (askanews) - A Lodi è morto per il coronavirus il farmacista Raffaele Corbellini. Aveva 69 anni.

"E' la seconda volta in pochi giorni che la nostra professione viene colpita da un lutto per il quale non ci sono parole che siano sufficienti a esprimere la vicinanza della Federazione, degli Ordini e di tutti i farmacisti, ai famigliari e a tutti coloro che rispettavano e amavano il collega Raffaele Corbellini, un riferimento insostituibile per la comunità lodigiana. Raffaele ha lavorato per la collettività fino a che ha potuto e non c'è modo migliore per rendergli l'onore che merita". Lo dice Andrea Mandelli, presidente della FOFI e dell'Ordine dei Farmacisti di Milano, Lodi e Monza Brianza.

"I farmacisti italiani, nelle farmacie di comunità come nelle strutture del Servizio sanitario, stanno svolgendo il loro ruolo al massimo delle possibilità, ma devo ribadire un messaggio ai cittadini: la farmacia è un presidio sanitario in cui ci si deve recare solo per motivi importanti, come per ocurarsi i farmaci per le malattie croniche e per gli eventi acuti. E' una precauzione fondamentale per tutelare la salute di tutti: dei farmacisti e delle persone che si rivolgono a loro. Invito poi a rispettare tassativamente la distanza di sicurezza e a seguire le indicazioni del personale per l'accesso ordinato nei locali delle farmacie. In sostanza chiedo ai cittadini di aiutarci ad assisterli nel modo migliore: da questa emergenza potremo uscire solo con la massima collaborazione di tutti", conclude Mandelli.