Coronavirus, morto Sandro Colonna: era ispettore della polizia di Brescia

coronavirus morto ispettore di polizia sandro colonna

L’ispettore della polizia di Brescia Sandro Colonna è morto in seguito al contagio da coronavirus a causa del quale, da inizio marzo, era ricoverato all’ospedale Civile. Aveva 60 anni.

Coronavirus, morto Sandro Colonna

Grave lutto nel mondo delle Forze dell’Ordine di Brescia. Nella notte tra il 14 e il 15 marzo è venuto a mancare all’età di 60 anni Sandro Colonna, ispettore della polizia che da inizio mese era ricoverato presso l’ospedale Civile della città per preparsi a un intervento cardiaco programmato da mesi.

Sfortunamente però proprio in ospedale l’ispettore è stato contagiato e in pochi giorni la sua situzione si è aggravata, con il succersivo decesso. Lascia la moglie e la figlia Beatrice, che non hanno potuto stare accanto a lui gli ultimi giorni di vita nel rispetto delle norme restrittive di quarantena decretate dal governo.

L’ultimo post di Sandro

Lo stesso Sandro aveva scritto su Facebook queste parole il 5 marzo: “Non sarà proprio una passeggiata domani ma mi devo fidare del mio cuore. È giunto quel momento di fare il tagliando e cambiare le valvole. Fortunatamente qui sono in ottime mani e gran professionisti. A presto!”. Poco dopo però ha doviuto rettificare, dicendo che il suo intervento era stato annullato per via dell’emergenza da coronavirus.

Lo piangono anche il Nuoto club di Brescia, di cui era il presidente e tutti i suoi colleghi con il quale organizzava il tradizionale Trofeo Città di Brescia.