Coronavirus Napoli (Fi): Draghi ricorda doveri Europa

Pol/Bac

Roma, 26 mar. (askanews) - "Mario Draghi ha indicato la luna agli Stati europei ben sapendo che molti di essi continuano a guardare il dito. Da cattolico e da liberale, l'ex presidente della Bce ha ricordato a tutti, alla vigilia dell'Eurogruppo, che senza la tutela dei cittadini, delle imprese piccole e medie e non solo delle grandi, un intero tessuto economico rischia di sparire per sempre lasciando macerie e cancellando la speranza del futuro". Lo dichiara in una nota il deputato Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera.

"Alla cancelliera Angela Merkel e al premier olandese Mark Rutte, a Valdis Dombrovskis e a Christine Lagarde, Draghi si è rivolto - aggiunge - con un ragionamento politico che spazza via le cautele e le esitazioni. Draghi ha mazzinianamente ammonito tutti loro 'o si fa l'Europa o si muore'. Si illude chi pensa di percorrere una via di salvezza nazionale, perché non esiste: non esiste per l'Italia, non esiste per la Germania, non esiste per nessuno. Il debito pubblico serve in misura illimitata per mettere liquidità nelle imprese, da quelle famigliari e individuali a quelle più grandi, per dare soldi contanti alle persone, e tutto il debito deve beneficiare delle garanzie pubbliche, statali ma soprattutto comunitarie. Draghi ha aperto la strada, ora tocca al presidente Conte dimostrare di saperla percorrere con la determinazione e la visione di Draghi", conclude.