Coronavirus a Napoli, primario contagiato: chiude il pronto soccorso

coronavirus napoli primario

Un primario dell’ospedale Cardarelli di Napoli è risultato positivo ai test per il coronavirus. Nell’attesa delle disinfezioni e della sanificazioni necessarie, il Pronto Soccorso del nosocomio è stato temporaneamente chiuso.

Coronavirus a Napoli: primario positivo

A dare l’annuncio dell’avvenuto contagio è stato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi in Campania e membro della commissione sanità. Egli stesso ha garantito che entro la serata di domenica 8 marzo 2020, giorno in cui si riscontrata la positività, l’area sarebbe stata igienizzata. “L’Asl Napoli 1 andrà a fare disinfezione e poi sarà riaperto il reparto“, ha spiegato.

Per il Pronto Soccorso si tratta dunque di una chiusura temporanea: una volta sottoposto alle dovute igienizzazione, il presidio ospedaliero potrà essere riaperto. Per il momento non è ancora noto come e dove il primario abbia contratto l’infezione. Come da prassi le autorità cercheranno di rintracciare e identificare le persone venute a contatto con lui per verificare se le abbia contagiate.

Per quanto riguarda la regione Campania, il numero totale dei casi di coronavirus accertati secondo il bollettino diffuso alle 18 dalla Protezione Civile è pari a 101. Le persone sono così suddivise:

  • 45 in provincia di Napoli
  • 28 in provincia di Caserta
  • 15 in provincia di Salerno
  • 4 in provincia di Benevento
  • 3 in provincia di Avellino.

A questi si aggiungono 6 casi registrati domenica 8 marzo 2020 dei quali non si conosce ancora la residenza geografica. Del totale complessivo, 30 infetti sono ricoverati con sintomi, 7 si trovano nei reparti di terapia intensiva e 63 in isolamento domiciliare. Vi è poi il caso di una persona guarita e risultata negativa al tampone.