Coronavirus, negli Usa è boom di vendite per la marijuana

Bea

Roma, 20 mar. (askanews) - Tra chiusure di bar e ristoranti e divieti di circolazione molti americani hanno pensato a metodi diversi per alleviare la tensione, e le vendite di marijuana, negli Stati dove è legale, sono schizzate alle stelle. In Europa era già accaduto in Olanda, dove prima della chiusura del negozi per coronavirus si erano viste lunghe file fuori dai coffee shop. In città come New York, San Francisco e Palm Springs, California, i negozi di marijuana legale sono considerati nella categoria "eesenziali" e molti si sono attrezzati con vendite online e consegne a domicilio per soddisfare i loro clienti. Secondo Ap le vendite sono in aumento anche negli stati di Washington e Colorado. In California il sito di consegne Eaze ha registrato lunedì un aumento degli ordini del 38% rispetto alla media annua, mentre gli ordini di nuovi clienti sono aumentati del 50%. Secondo Weedsmap nella seconda settimana di marzo nello stesso stato sul Pacifico le vendite di cannabis sono cresciute del 66%.