Coronavirus, nove casi in Svizzera: alcuni erano stati in Italia

coronavirus-svizzera

Nelle ultime ore sono saliti a nove i casi di contagio da coronavirus registrati in Svizzera. Tra questi ci sono due bambini italiani in vacanza nel Canton Grigioni, altre cinque persone che hanno avuto contatti con l’Italia nelle settimane precedenti e una donna dipendente in un asilo nido, la quale potrebbe aver contagiato dei bambini. Le autorità sanitarie elvetiche hanno dichiarato che almeno otto di questi nove casi si trovano attualmente in buone condizioni di salute.

Coronavirus, nove casi in Svizzera

Stando a quanto riportato dalle autorità svizzere, le persone contagiate da coronavirus sarebbero due bambini italiani nel Canton Grigioni, un informatico 28enne di Ginevra precedentemente recatosi a Milano, un 26enne del Canton Argovia transitato da Verona per lavoro, un 49enne del Canton Vaud, una 30enne di Zurigo anch’esse stata a Milano, due giovani di Basilea e il primo caso registrato nel Canton Ticino.

Tutti e due i giovani di Basilea si erano recati a Milano negli scorsi giorni, ma a destare maggiore preoccupazione è la ragazza risultata essere dipendente in un asilo nido di Basilea città. La giovane, al momento ricoverata nel reparto di isolamento dell’ospedale universitario di Basilea, si è infatti ammalata subito dopo essere ritornata al lavoro al rientro da un viaggio a Milano e potrebbe aver contagiato decine di bambini presenti nella struttura. Per precauzione, le autorità sanitarie hanno ordinato ai genitori dei piccoli di mettere i figli in quarantena domiciliare per almeno 14 giorni.