Coronavirus, nuovo modulo di autocertificazione: tutte le novità

coronavirus nuovo modello autocertificazione

Il Ministero dell’Interno ha dato vita a un nuovo modulo di autocertificazione necessario per circolare nei centri urbani durante l’emergenza coronavirus. Rispetto al precedente questo nuova versione prevede che chi viene fermato dalle forze dell’ordine debba dichiarare di non essere positivo o in quarantena forzata.

Coronavirus, il nuovo modulo di autocertificazione

Il provvedimento è stato comunicato ai prefetti e ai Comandi generali dell’Arma Carabinieri e della Guarda di Finanza con una nota del capo della Polizia, Franco Gabrielli. “Si è dimostrato utile per accelerare le procedure di controllo da parte degli operatori della Forza pubblica e limitare gli aggravi a carico dei cittadini – scrive Gabrielli che aggiunge poi – “sulla base dei feedback fatti pervenire a questo Dipartimento è emerso come la rete delle Autorità provinciali di p.s abbia proposto di integrare il predetto modulo”.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL NUOVO MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE

L’obiettivo di questo nuovo modulo per il capo della Polizia è “rendere ancora più espliciti gli obblighi e le limitazioni cui sono soggetti gli spostamenti dei cittadini”. É inoltre ipotizzabile pensare che la decisione sia stata presa dopo che in molte zone d’Italia sono stati riscontrati episodi di soggetti usciti di casa malgrado coscienti della loro positività al Covid-19.

I numeri dei controlli e delle denuncie

Nel periodo di tempo che va dall’11 al 15 marzo, le forze dell’ordine avrebbero effettuato ben 665.480 controlli dai quali, secondo il Ministero dell’Interno, sarebbero derivate ben 27.616 denunce. Numeri molti alti anche per quanto riguarda le attività commerciali con 1102 esposti a fronte dei 3179951 controlli. In campo ci sono 40mila agenti ai quali possono aggiungersi i 7mila militari dell’esercito di Strade Sicure che sono a disposizione dei prefetti.