Coronavirus, Nursing Up: in Piemonte mancano protezioni per operatori -2-

Mpd

Roma, 9 mar. (askanews) - Delli Carri, poi, sottolinea anche la singolarità della situazione tamponi per il coronavirus. "Senza polemica, davvero, chiediamo che i tamponi vengano prioritariamente utilizzati per testare il personale che deve essere controllato per avere la certezza di non essere ammalato. Queste sono le procedure corrette previste dalle recenti disposizioni. In momenti di emergenza vanno infatti individuate delle priorità. Forse non si è capito che siamo al collasso, che se tutti gli infermieri e i professionisti sanitari si dovessero ammalare, se non vengono adeguatamente protetti, chi curerà i pazienti? E come si farà? L'assessorato, deve darci, oggi, subito, risposte concrete. Gli operatori devono lavorare con i presidi giusti ed essere messi in sicurezza perché sono i primi a dover poter operare. Dobbiamo ricevere le informazioni adeguate con le giuste direttive. Chiediamo che i presidi sanitari vengano messi a disposizione, che i tamponi vengano fatti agli infermieri, e vogliamo un confronto immediato con l'assessorato, anche in videoconferenza, per coordinarci meglio e affrontare questa situazione in sinergia. Bisogna agire subito. Ricordiamo che la nostra professione per sua intrinseca attitudine è a disposizione della gente, dei malati e di coloro che hanno bisogno. Questo non è il momento dell'allarmismo, e non vogliamo crearne, ma abbiamo bisogno di unità e di lavoro coordinato e preciso per raggiungere l'obbiettivo della vittoria sul virus".