Coronavirus, c'è un'altra vittima

webinfo@adnkronos.com

C'è un quinto decesso da coronavirus in Emilia-Romagna. Si tratta di un uomo di 79 anni, già affetto da molteplici patologie; era residente in provincia di Piacenza e ricoverato in ospedale. Il bilancio dei morti in Italia sale così a 30 mentre le persone contagiate da Covid-19 sono più di mille.  

- In VENETO sono saliti a 223 i casi di positività al coronavirus, di cui 59 ricoverati in ospedale. 

FRIULI-VENEZIA GIULIA - "Sono risultati positivi al test quattro nuovi casi: uno a Trieste e tre a Udine. I pazienti sono stati presi in carico dal Servizio sanitario regionale e i campioni dei test inviati all'Istituto Superiore di Sanità". Lo comunica in una nota la Regione Friuli Venezia Giulia. I nuovi casi si aggiungono a quello segnalato ieri, quando a Gorizia "una persona - riferiva ancora la Regione - era risultata positiva a entrambi i tamponi faringei previsti dal protocollo".  

EMILIA-ROMAGNA - In Emilia-Romagna, dove si registra l'ultimo decesso, salgono a 269 i casi di positività su 1.736 test refertati. Rimane Piacenza la provincia più colpita, con 160 casi; 58 sono a Parma, 24 a Modena, 16 a Rimini, 7 a Reggio Emilia. Non ci sono nuovi casi né a Bologna, dove rimangono 2, né a Ravenna, che ne ha 1, mentre si registra il primo caso a Forlì-Cesena. “Si tratta di un uomo di 59 anni residente nel Comune di Savignano sul Rubicone, ora ricoverato in isolamento nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Morgagni di Forlì - spiega il sindaco Filippo Giovannini - L’uomo è in buone condizioni di salute. Il Dipartimento di Sanità Pubblica ha avviato l’indagine epidemiologica mirata ad individuare tutti coloro che possono aver avuto contatti stretti con il paziente risultato positivo" e "sono stati già posti in isolamento domiciliare i familiari del paziente”. 

ABRUZZO - E' di oggi la notizia che è positivo al Covid 19 il secondo test, eseguito dall'Istituto superiore di Sanità, sull'uomo ricoverato in isolamento all'ospedale di Pescara. Il paziente, residente in un Comune dell'area metropolitana Chieti-Pescara, aveva riferito di essere rientrato la scorsa settimana da un viaggio di lavoro in Lombardia e di aver quasi immediatamente accusato dei sintomi influenzali che lo avevano portato a rimanere in casa. E' risultato invece negativo al Covid-19 il test eseguito sulla moglie del paziente ricoverato all'ospedale di Pescara: la donna resta comunque in isolamento domiciliare. Al momento, dunque, i casi confermati di Covid 19 in Abruzzo sono 3. 

LAZIO - "Continua a essere negativo uno dei due bambini della coppia di Fiumicino", ha affermato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato, al termine della lettura del bollettino odierno allo Spallanzani di Roma. "Sono stati definiti dall'indagine epidemiologica condotta dalla Asl Roma 3 e dal Servizio regionale di sorveglianza malattie infettive dello Spallanzani) tutti e 51 i contatti stretti relativi alla scuola Rodano, alla scuola di inglese, ai contatti famigliari e del personale sanitario venuto in contatto" con i pazienti positivi al nuovo coronavirus. "In totale sono 51 e sono negativi", ha aggiunto. 

TOSCANA - Quarto caso sospetto positivo, in attesa di validazione da parte dell'Istituto superiore di sanità, sul territorio dell’Asl Toscana nord ovest. Si tratta del marito della donna di 65enne, di Codogno, arrivata in auto a Carrara dove possiede una seconda casa e sempre rimasta all’interno del proprio domicilio in sorveglianza attiva, essendo stata trovata positiva in seguito a un leggero stato febbrile. Per entrambi i coniugi, che non hanno avuto contatti con altre persone, si attende quindi la validazione dei tamponi da parte dell’Istituto superiore di sanità, come anche per il settantenne di Albiano Magra (Comune di Aulla in Lunigiana), il musicista che si era recato sempre a Codogno per un concerto e che si è messo in autoisolamento domiciliare dove si trova tuttora. Continua l’isolamento domiciliare anche per il 44enne di Torre del Lago (da ieri senza più febbre) rientrato con positività da Vo' Euganeo (Veneto). Tutte queste quattro persone sono dunque a casa e in buone condizioni di salute.