Coronavirus, oltre 7.900 candidature a 'Medici per Covid'

·1 minuto per la lettura

Sono oltre 7.900 le candidature raccolte in 24 ore con 'Medici per Covid'. L'operazione, lanciata venerdì 20 marzo dal ministro per gli Affari regionali e Autonomie Francesco Boccia durante una conferenza stampa nella sede del Dipartimento della Protezione Civile, è terminata alle 20 di sabato 21. Prevedeva la possibilità di presentare la propria candidatura per entrare a far parte della task force di 300 medici che opereranno a supporto delle strutture sanitarie regionali impegnate nell'emergenza coronavirus.

Nelle 24 ore in cui è stato possibile compilare il form online dedicato all'iniziativa 'Medici per la Protezione civile, "il Dipartimento - informa la stessa Pc- ha raccolto oltre 7.900 candidature che saranno valutate nelle prossime ore. Ringraziamo tutti i medici che, su base volontaria, hanno aderito all'iniziativa".​

"Quasi 8 mila medici hanno risposto all'appello. Un atto di amore e di orgoglio per il Paese", ha commentato Boccia su Facebook. "Quando abbiamo proposto una task force di medici da arruolare per fronteggiare l'emergenza coronavirus - scrive il ministro - molti pensavano che forse potessero arrivare 100 domande, noi ci abbiamo creduto fin dall'inizio. Abbiamo aperto un bando con la Protezione civile e siamo stati travolti dall'Italia migliore. Lo Stato farà di tutto per sostenerli e ringraziarli. Sarà una squadra di interposizione che partirà dalla Lombardia e poi si sposterà in tutta Italia dove servirà".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli