Coronavirus, oltre il 50% dei test sierologici inutilizzati e "in scadenza"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
investigation and research dna, virus, bacteria
investigation and research dna, virus, bacteria

L'indagine per ricostruire la circolazione del virus attraverso test sierologici a campione è destinata a fallire.

LEGGI ANCHE: La presunta origine del coronavirus

E' quanto riporta Repubblica che, dati alla mano, rileva come solo 70mila italiani sui 150mila preventivati hanno risposto alla chiamata della Croce Rossa per sottoporsi all'esame. E la beffa è che i test saranno inutilizzabili da metà luglio, perché scaduti. Difficile che nei 10 giorni ancora a disposizione la situazione cambi.

VIDEO - Los Angeles, lunga coda per il test COVID-19

Croce Rossa, fa notare Repubblica, ha praticamente concluso le 190 mila telefonate partite a tappeto oltre un mese fa. Risultati? Se in molti non rispondono alle chiamate nemmeno dopo 15 tentativi, altrettanti rifiutano di sottoporsi al test.

LEGGI ANCHE: In Alto Adige 156 tamponi e nessun caso positivo

Se si vorrà proseguire con l'indagine sierologica, sarà necessario chiedere una nuova fornitura di test alla Abbott, azienda che li ha messi gratuitamente a disposizione, ben sapendo che tutti gli esami fin qui effettuati andranno inevitabilmente perduti