Coronavirus, Oms: "In alcuni Paesi secondo picco, diverso da seconda ondata"

webinfo@adnkronos.com

"In alcuni Paesi stiamo vedendo un secondo picco, che si verifica quando il virus mantiene un livello basso di contagi e poi questi aumentano". Lo ha spiegato Mike Ryan, capo del Programma di emergenze sanitarie dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), in conferenza stampa a Ginevra."Non proprio una seconda ondata, ma il risultato di riaperture, della nuova circolazione delle persone ma senza adeguato distanziamento e senza capacità di captare, isolare e trattare i singoli casi. Questo fenomeno si verifica più spesso a livello sub-nazionale che nazionale e non è sorprendente che avvenga dopo l'allentamento dei lockdown, ma non è necessariamente una seconda ondata". 

"Bisogna bilanciare al meglio la salute pubblica e l'economia - ha proseguito - e non ci sono guide per questo. Sì, siamo preoccupati per molti Paesi, ma ci sono modi per evitare nuovi lockdown: si tratta di micro-processi, dell'identificare precisamente tutti i casi, di avere dati dettagliati e sapere dov'è il virus, intervenendo senza coinvolgere l'intera popolazione. Questo dipende dalla capacità dei sistemi sanitari, che posso riuscire a evitare misure 'a coperta', che coinvolgano un intero Paese. Quello che dobbiamo fare ora è quindi puntare sulla sorveglianza sanitaria pubblica e sulla forte relazione con la popolazione".