Coronavirus, Oms: "Falsa speranza che sparisca con il caldo"

webinfo@adnkronos.com

E' una "falsa speranza" che il coronavirus scompaia in estate come accade con l'influenza. Lo sostiene l'Organizzazione Mondiale della Sanità, sottolineando che affermarlo sarebbe "una falsa speranza". All'inizio dell'epidemia, le autorità sanitarie degli Stati Uniti affermarono che c'era un'ipotesi tra i modelli matematici secondo cui l'epidemia "potrebbe essere potenzialmente stagionale" e attenuarsi in condizioni più calde. "Speriamo che lo faccia. Sarebbe una manna dal cielo ", ha detto Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell'Oms. "Ma non possiamo fare questo presupposto. E non ci sono prove". 

"Dobbiamo presumere che il virus continuerà ad avere la capacità di diffondersi", ha aggiunto Ryan presso la sede dell'agenzia a Ginevra. "È una falsa speranza dire che scomparirà come l'influenza". 

Secondo quanto ha dichiarato ieri l'Organizzazione, il numero totale di casi COVID-19 ha quasi superato i 100.000 in tutto il mondo. La maggior parte dei casi riguarda la Cina continentale, seguita da Corea del Sud, Iran e Italia. "Questo è un virus unico, con caratteristiche uniche. Questo virus non è influenza", ha affermato il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. "Siamo in un territorio inesplorato."