Coronavirus, Orlando: sono in isolamento domiciliare

Fdv

Roma, 7 mar. (askanews) - Anche il vicesegretario del Pd Andrea Orlando in isolamento domiciliare pur non essendo stato contagiato dal" coronavirus. Una decisione presa dopo la positività dichiarata al virus da parte del segretario dem Nicola Zingaretti.

"In bocca al lupo e auguri di pronta guarigione al nostro segretario, Nicola Zingaretti. In questi giorni complessi, in cui tutti stiamo affrontando insieme una prova difficile - ha detto Orlando su Facebook - il nostro pensiero va alle persone malate, alle loro famiglie, a tutto il personale del mondo sanitario e della ricerca, che sta dando dimostrazione di grandissima professionalità e spirito di sacrificio".

Ornaod ha annunciato che "nel rispetto dei protocolli sanitari, avendo avuto contatti con il segretario Zingaretti, pur non presentando al momento alcuna sintomatologia, ho deciso di seguire il consiglio dei sanitari di stare in isolamento fiduciario domiciliare. Questa scelta è dovuta a una necessità precauzionale e di prevenzione. Come ci indicano le linee guida e i protocolli sanitari è doveroso adottare ogni misura e attenersi scrupolosamente alle indicazioni previste dall'OMS e dal Ministero della Salute per evitare ogni rischio per la salute pubblica e contenere il più possibile la diffusione del contagio".

"Siamo davanti a una sfida inedita - ha aggiunto l'ex Guardasigilli - e tutti dobbiamo collaborare e fare la nostra parte con responsabilità. Per questo, con tutte le precauzioni necessarie, come stanno facendo molti italiani in questo momento, si rimane a casa, ma le attività continuano, il lavoro continua, gli impegni vengono portati avanti. Il Pd - ha assicurato Orlando - continuerà ad essere un riferimento essenziale per molti italiani. Continueremo a lavorare per tenere unita la nostra comunità e per affrontare le prove che ci attendono al meglio. Senza panico, ma consapevoli della serietà del momento, rispettiamo tutti le regole di condotta e le indicazioni sanitarie e insieme ce la faremo!".